Ciò che Alessandro Dessì non dice … e non sa

 

Grazie Alessandro Dessì dell’illuminazione, di averci spiegato perché

“La Limba Sarda Comuna ha già vinto”

In realtà non sapevo che in Sardegna l’identità delle persone e le loro parlate stanno in competizione. Non sapevo che c’era una medaglia da vincere quando ho scelto di scrivere in sardo meridionale standard, scegliendo le Arregulas.

Deu apu sceberau cussa grafia poita est prus a s’oru a su sardu de basciu. Custu no fait duas linguas.

Ma qui torniamo all’ignoranza di certa gente, di non saper distinguere la differenza tra lingua, lingua storica, dialetto, dialetto primario, socioletto e idioletto e infine cosa qualcuno intende quando parla di “grammatica”. Io so cosa intendeva Blasco quando parlava di “grammatica”, Alessandro Dessì a quanto pare no.

La grammatica non è solo il libro con le regole che usiamo per definire le regole di uno standard. Nella sociolinguistica può essere anche la descrizione sistematica di una lingua, un dialetto e anche di uno stile. Non deve neanche esistere in realtà, se vediamo altre scuole di pensiero e parliamo di “grammatica universale” e così via.

Io potrei per ciò anche paragonare la “grammatica” bavarese con quella berlinese o no?

Ma fermiamoci un attimo qui, laddove nasce il problema in assoluto. Un problema che del quale parlò già Massimo Pittau in una relazione qui a Berlino nel 2001. Nella sociolinguistica questo si chiama “il sapere linguistico” o “il sapere metalinguistico” (seguendo io qui la terminologia di Eugenio Coseriu).

Cito Pittau:

” …  dobbiamo affermare, in termini esatti di scienza linguistica, che la parlata campidanese esiste realmente, così come esiste realmente la parlata logudorese? Per due differenti ed importanti ragioni: a) Nel campo della lingua, di tutte le lingue, assume un ruolo enorme la coscienza o consapevolezza linguistica dei parlanti. Nel Capo di Sotto, cioè in tutto il Meridione dell’Isola, i singoli parlanti, anche quando parlano con individui di altre località della Sardegna meridionale, hanno piena consapevolezza di avere a che fare con la medesima ed unica parlata campidanese. E questa stessa piena consapevolezza c’è nella situazione contraria, quando cioè essi parlano, comprendendosi alla perfezione, con individui che vengano dall’area del Marghine oppure del Goceano: questi altri Sardi parlano un’altra varietà del sardo, la parlata logudorese. b) Noi linguisti, con in testa il grande Wagner, abbiamo avuto il grande torto di prestare poca o punta attenzione alla parlata campidanese dei poeti e degli scrittori. Ebbene tutti questi adoperano una varietà di lingua letteraria che è universalmente conosciuta ed accettata da tutti i Sardi, anche da quelli dell’area logudorese.” (p.164)

Certo, l’abbiamo capito che poi tutti hanno iniziato a farsi il balletto sull’uovo, dicendo che i concetti “logudorese” e “campidanese” non esistano, che sono “invenzioni arbitrarie”, ignorando il fatto che sono solo due termini popolari per indicare “sardo centrale-settentrionale” e “sardo meridionale”.

Sappiamo benissimo che il termine “campidanese” non intende il sardo che si parla nella zona geografica del Campidano, ma che si parla del sardo meridionale. Anzi non bastavano questi terminie abbiamo addirittura affiancato il concetto di “mesania”.

Se ora vogliamo negare l’esistenza di aree ben chiari definite nella dialettologia in generale, iniziamo a negare la dialettologia in se e l’esistenza di dialetti … tutto questo si basa, come dice Michel Contini (nel stesso volume, p. 117) su tratti ai quali i sardi danno molta attenzione, i tratti più evidenti d’altri. Quelli che conosciamo tutti. Se ora vi volete perdere in un bicchiere d’acqua, bene.

Questo non nega che le ricerche di altri linguisti siano sbagliati, anzi … sbagliato è solo l’approccio, secondo il mio modesto avviso. Entrare in un contesto di una storia linguistica di un popolo in maniera anacronistica, mi sembra molto sbagliato.

Ed è questo che è successo in Sardegna e nella “Questione della lingua sarda”, laddove si è cercato di imporre una grafia con la quale la gente non s’identifica per fare amarolla su chi ant fatu is italianus, faendi s’italianu standard.

Inutile che gli independentisti sono convinti del fatto che la lingua sarda sia più forte, quando è unificata. La lingua sarda è più forte quando viene usata dai sardi, infatti non solo la lingua parlata, ma anche quella scritta.

Ecco … e anche qui il nostro Alessandro Dessì ha una visione un pochino ridotta della situazione (secondo me). Giacché siamo solo quattro gatti che scrivono in sardo, addirittura lui sostiene che la grafia più usata è la LSC. Ma dove mi chiedo? Il sardo medio non sa neanche che cos’è.

Qui a Berlino stanno arrivando un sacco di sardi giovani che stanno emigrando dalla Sardegna o che fanno vacanze qui, di tutte le zone. Ne parlo almeno con 1-3 persone a settimana. Età 25-45 anni. Il 90% non ha mai sentito ne della LSC o che qualcuno addirittura si mette a scrivere in sardo.

Certo, il numero sarà aumentato, ma ajò, ita ses narrendi? La LSC ha vinto lo scudetto? No! Si è fatto molto di più per promuovere quello standard perché ci hanno pompato un paio di soldi, anche pochi, per l’importanza che il tema dovrebbe avere.

Invece qualcuno avrebbe dovuto avere l’intelligenza di coinvolgere le persone che facevano parte del movimento linguistico sardo, di tutto il sardo, visto che il futuro sono i giovani. Invece tanti sono semplicemente stati tagliati fuori.

Alessandro Dessì, nel suo articolo racconta solo una parte, la sua realtà, ignorando che la realtà sarebbe stata forse diversa, se qualcuno non si avesse autoproclamato il Papa della lingua sarda.

Sembra quasi che gli orientalisti, nemici, quelli della scuola campidanese, partzidoris ecc.- dovrebbero anche ringraziare che possono scrivere la -X-, e scrivere “acua” e “lingua”, grazie, vermente, dopo 10 anni qualcuno arriva a questa conclusione perché fa addirittura parte dell’identità. Forse qualcuno non ha ben chiaro che Bolognesi queste cose le disse già nel 2007 a Paulilatino. Nel documento non è stata cambiata neanche una virgola.

Auguri per aver vinto!

Annunci

Risposta di Paolo Zedda a Limba Sarda 2.0

Buongiorno a tutti,

vi mando il link della risposta di Paolo Zedda a limba 2.0 e mellus a Pepi e Company.

Credo che sia una risposto molto ben chiara e ben articolata.

Intanto Paolo Zedda è rimasto molto signore, senza averli mandati in quel paese come se lo meriterebbero, ma non solo per gli articoli scritti ora, ma anche nel passato ci sono stati attacchi personali con foto scarse ecc. ne avevamo già parlato dello “stile” di quella pagina e altro.

Ecco, buona lettura:

https://www.facebook.com/notes/paolo-zedda/politicas-po-sa-lingua-sarda-e-sententzia-de-sa-consulta-resposta-a-limbasarda-2/984055261714525

 

Ratapinniata in LSC? “Pepistrellu”

Torrant is polemicas de Pepi Corongiu, ex-digiridori de “s’Ufitziu pro sa Limba Sarda”, chistionendi inpitzus de sa Lei de s’imparamentu de su sardu me is scolas.

Lei ca bolit fai su Cunsilleri Regionali Paolo Zedda (Rossomori).

Custu su link: http://salimbasarda.net/politica-linguistica/zedda-c-desertum-fecerunt-e-pacem-appellaverunt-4/

Pepi, pruschetotu bolit fai su togu ponnendi unu titulu in latinu, sballiendi chi in latinu “e” iat a essi “et”. Ma lassaus perdi ca Pepi su copy paste no ddu fait beni, ddu eus giai biu me su “liburu” suu.

Insandus … cali est su problema suu?

Torrat a nai chi Paolo Zedda (e aterus,Blasco & C.) bolint fai duas linguas sardas. Una faula manna cumenti scieus totus. Su sardu est UNA lingua cun meda dialetus e totus funt circhendi arregulas po scriri in sardu e sa genti scrit giai in sardu.

Sa genti chi scrit in sardu pigat is gramaticas chi ant giai fatu: Lepori, LSU, Limba de Mesania, LSC, Arregulas e ateras piticheddas. Is arregulas de basi funt casi agualis de totu custas normas, cambiat sceti calincuna cosa, grafema o fueddus regionalis de Sardinnia.

Is “Arregulas” no funt sa norma de sa “lingua campidanesa”, funt unu standard po scriri su sardu meridionali. Is “Arregulas” funt abertas, podis imperai “femu/fia” – “stetiu/stau” po esempiu … e su lessicu est liberu, depis sceti sighiri is arregulas e andat beni po su sardu meridionali (su chi su populu tzerriat “campidanesu”).

Est unu pagu strollicu ca Pepi Corongiu no tenit perunu problema scriri de su “sardu meridionali” (definitzioni Wagner: “campidanesu” = “sardu meridionali”).

Insandus, Pepi bolit UNA LIMBA = UNA NORMA. Beni. Su problema est sceti, ca issu bolit pigai po totus su Pepiletu chi imperat in limba2.0. E nosu naraus ca custu no andat beni poita est atesu meda de su sardu meridionali.

Addirittura Pepi scrive:

“Lu naro ca custa gherra, de sa cale issu est su primu responsàbile, at fatu dannu mannu a sa càusa de sa limba e sighit a nde fàghere. E at fatu finas dannu a persones fatas a bisera e disfamiadas, petzi ca ant tentu su bisu de fàghere su sardu che a limba unitária e normale.”

Su problema imbecis est stetiu semperi Corongiu e is amigheddus suus chi ant bofiu imponni su sardu setentrionali a totus. Craru podeus sighiri a arrexonai chini est s’ou e chini est sa pudda.

e Pepi bolit sighiri a ddu fai, scriendi cussas cosas, perou sa paxi, Zedda & C. giai dda tenint, poita sa paxi si tzerriat: democratzia.

 

no ddu bolint cumprendiri

Mi sono cancellata dal gruppo Lingue/limbas… no ddu sciu… de Facebook.

No est stetiu sa primu borta.

Femu in custa truma innatis e mi seu bogada giai una borta poita no ddu boliant cumprendi.

S’ aministradori m’at pregontau de torrai e seu torrada po ascurtai is proprias arrexonadas scimpras che innantis.

Atera genti scidada imoi chi cherrit amparai custa callonada de LSC.

Mi ndi seu arroscia.

No bolint cumprendi poita pigant dinai po dda arampai. E no si moint…

Minca’e cuaddu, mancai nci funt scriendi dexi, doixi, binti, trinta sardus de basciu, narendi ca sa LSC no andat beni, issus sighint a chistionai de sardu unificau, sardu po totus, lingua bandiera.

E dopo la rissa a Capoterra fanno ancora finta di niente…

Se fossi il mio carissimo amico Maurizio direi: ‘Koddatevi’

Ma visto che sono Alexandra dico:

Wer nicht hören will, muß fühlen.

Is Orientalistas in domu … ti pigant po culu …

10687043_1455282221426592_6805764843268299907_n

..Insandus, eus biu s’ articuleddu de Pepi aundi, cumenti a semperi, narat de issu etotu cumenti ca fiat su sarvadori de sa lingua sarda, sa conca de su moimentu…

ehhh… e is aterus chi no dda pensant che issu funt orientalistas. Unu cuncetu pigau de un ateru scridori e furriau de Pepi in d-una callonada. Beni. Pongu innoi su link

http://salimbasarda.net/politica-linguistica/orientalistas-in-domo/

Su cumentu de Bolognesu est stetiu ca giai bastat sa foto chi Pepi at sceberau…

Ma… eja … bellixedda. deu no apu  cumprendiu puru poita at postu custa foto che Richard Gere po poberus…si pensat de essi ‘cool’. Ok, ma lassaus perdi s’ opinioni mia… castiaus unu momentu su chi ant scritu is aterus orientalistas in domu…

inghitzendi cun sa foto de su fragu e su cani in susu… postada in bilinguismu oi.

imoi sighint is cumentus de Facebook… no apu a ponni nominis, sceti is frasias… apu sceberau tres, ma funt de prus…

‘Scureddu su pipiu ddu ant ofèndiu. Piga su picu e bai a traballai antzis de fai sa vìtima. Ah, giai chi nci ses poni-tì a scriri in laconesu (chi nci arrennescis) ca scriendi in LSC fais arriri.’

‘Ma l’hobbit non esce a dicembre? Lo possono prendere per fare la controfigura dell’elfo silvano e non ha neanche bisogno di essere truccato…..’

‘” pro annos e annòrios apo chircadu de èssere unu puntu de echilìbriu”: e bai…abarra strantaxiu in-d’unu pei e castia comenti est…”sos chi sunt (o pensant de èssere) in favore de sa limba matessi, sunt innimigos de una limba ‘normale’”: LSC fiat s’alternativa? Seus ancora prangendi-dda… “sunt pro un’idea de limba chi est contra a sa limba” : Nou, contra a cussus chi ndi dda funt sciusciendi cun arrègulas chi pagu tenint cun su sardu ‘cumunu’…” custos ‘orientalistas de domo’ s’amigant de prus cun sos acadèmicos partzidores chi non cun su movimentu sèriu” : su CSU? Ma chini ddus c*g*d*? 4 pisitus, cincu cun tui. Sa ‘lingua’ dda faint is pastoris, is muradoris, is studiaus e is professoris de sa universidadi. Mai as intendiu chistionai de ‘arrespetu’ po su connotu? De democratzia?Boh! S’arrestu lu lassu a chini tenit gana de ddu ligi… balla, sa “stitada”(spoppata!) dd’increscit!’

Tocat a nai… Ca Pepi at cumprendiu sceti sa mitadi… eja… tenit otientalistas in domu… sighendi sa logica scimpra sua…

Su chi Pepi ancora no at cumprendiu est ca sa domu … est prena de orientalistas … ma custu ddu at a cumprendiri a pedde… Very soon…

 

 

 

Corongiu, Cabuderra … e cosa chentza cabu

In su jassu de sa limba sarda 2.0 ant pubricau unu articulu:

“Sa delìbera de Cabuterra chi at mortu is Arrègulas”, di Anzelu Canu, (scusate: Angiulu).

http://salimbasarda.net/politica-linguistica/sa-delibera-de-cabuterra-chi-at-mortu-is-arregulas/

Mi faint unu pagu arriri, narrendi cussus scillorius. Ohh… ant mortu una grafia.

Eus biu? Angiulu Canu at bociu sa X cun d-unu fucili … a palas… hahahaX

No sciemu ca is LSC’istas imoi tenint sa missioni de bociri is “Arrègulas”. Insandus, imoi est ufitziali:

Bolint bociri su sardu meridionali.

Is Arrègulas funt is arregulas de su sardu meridionali e ddas bolint biri mortas.

Eja, ddu scieus totus ca praxit a Pepi contai sa beridadi a manera sua… sa beridadi inventada ca torrat semperi bonu a issu, a sa LSC e a is amigheddus suus.

Mahhh… vediamo un secondo come sono andate le cose e dove Angiulu non ci racconta tutta la storia:

Sa delibera de su Consillu comunali de Cabuderra, narat unas cantu cosas craras: Su primu firmatariu, Ruiu,(PSI de Nugoro, mi creu ca siat amigu de Corongiu, duncas po sa LSC) at presentau un’o.d.g. aundi sa prus cosa de importu no fiat LSC eja, LSC no, Arrègulas eja, Arrègulas no, ma fiat Corongiu, de comenti podeus biri in s’acabu de s’o.d.g.:

“Detto ciò, infine, il consiglio comunale di capoterra chiede: un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria, anche mediante il rinnovo della fiducia ai vertici del servizio regionale lingua e cultura sarda e per il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano”.

Custu  “rinnovo della fiducia ai vertici del servizio regionale lingua e cultura sarda” ddu cumprendeus est/fiat CORONGIU

Difatis sa documenta fiat (p.3) de intregai a 4 personis:

a) Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru

a) Assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino

b) Presidente 2^ Commissione Regionale Cultura e Identità Linguistiche Gavino Manca

c) Direttore Servizio Lingua e Cultura Sarda Giuseppe Corongiu

Ma su Consillu totu, duncas fortzis finsas calincunu amigu de Ruiu, at nau craramenti ca de Corongiu mancu si-ndi chistionat. Difatis, andendi a ligi in sa delibera aprovada (sa chi ballit), delibera Consiglio comunale di Capoterra, su nomini de Corongiu est sparessiu: no si fueddat prus de “rinnovo della fiducia ai vertici”, ma de “potenziamento del servizio regionale”:

“Detto ciò, infine, il consiglio comunale di capoterra chiede:un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria, anche mediante il potenziamento del servizio regionale lingua e cultura sarda e per il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano”.

Imprus Corongiu est sparessiu finsas de is nomini chi ant a arriciri sa litera:

Si inoltra copia di tale documento a:

a) Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru

b) Assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino

c) Presidente 2^ Commissione Regionale Cultura e Identità Linguistiche Gavino Manca

d) al Capogruppo Consiglio Regionale Sardegna, al Sottosegretario Cultura On. Barracciu e ai Parlamentari Europei.

Est andada diaici. Corongiu at circau agiudu in Cabuderra po abarrai su ditadori de s’ufitziu de sa lingua, in Regioni, contendi apitzus de Ruiu.

Difatis sa proposta de o.d.g. est protocollada su 23/05/14 e duncas, mi pensu ca Ruiu e Corongiu si funt atobiaus de seguru sa cida innantis de su 23, candu Pepi fiat ancora baddendi po abarrai in Regioni (circhendi de si fai fai sa lei ad personam).

Aciungi ca nci bolit su tempus de scriri su documentu (scritu mali meda) e de arregolli is firmas. Po circai de abarrai in sa cadira Corongiu at circau agiudu in donnia logu ponendi fogu in donnia logu…

Ma in custa delibera, a castiai su documentu avotau, su nomini suu (de Corongiu) mancu nc’est. Ita cosa? Ita est sutzediu? Innantis de avotai su documentu, s’assessori Lai, su sindigu e aterus (chi funt contras de sa LSC) ant domandau 10 minutus de sospensioni de Consillu, po podi cuntratai e cambiai calincuna cosa…

… su documentu dd’ant scritu e avotau, sena de su nomini de Corongiu. E dd’at avotau Ruiu puru e is aterus 7 chi dd’iant firmau. In s’acabu de su documentu no si chistionat de LSC. Ma sceti de:

1)    un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria,

2)    il potenziamento del servizio regionale lingua e cultura sarda (chi no podit essi  Corongiu)

3)     il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano

Duncas Cabuderra: (NO Cabuterra, Angiulu!)

1 no at achipiu sa LSC

2 s’aguantat is Arrègulas chi nd’at achìpiu in su 2013 (arreconnotas de su documentu puru)

3 No at bofidu ponni su nomini de Corongiu

 

Custu bolit nai ca:

Limba Sarda 2.0 est contendi faulas candu narat ca

Sa delìbera de Cabuterra at mortu is Arrègulas“.

Nemus at mortu nudda e a nemus.

Mi creu ca is amigus chi tengu deu in Cabuderra ant a sighiri a imperai e imparai is Arrègulas.

Cabuderra, poita? 🙂 Ddu scieus totus. Pepi bolit segai s’arrexini de su moimentu de resistentzia e si pensat ca su problema funt personis cumenti a Oreste Pili o Paolo Zedda ecc. Ma no est diaci… su problema est issu etotu e sa LSC… sciadau.

E insandus ita fait? Circat amigus e amigheddus po fai cresci sa trumixedda sua.

Oioi, chini at a essi mortu in su tempus benidori? Fortzis custa borta Pepi the Ripper bocit unu tempus verbali o unu fueddu… ahhh no, is fueddus funt de Corraine…

 

 

 

 

 

 

 

Ciò che Diego Corongiu non dice e non sa …

Torniamo: lingua e standard e sa “partzidura”

Insandus, feus una cosa po is personis chi tenint is cerbeddus abellus…

Ecco: Visto che Pepe & Curry e Company sono lenti e poco elastici di testa e ci stanno facendo un bel brodo, lo spiego un altra volta.

Dai, piciocus… dovete sforzarvi sceti pagu pagu. E se non lo capite neanche oggi, la prossima volta, vi faccio un disegnino… ok?

Dai, ecco. Un altra volta per Corraine, Corongiu, Carboni, Canu e is aterus C-arrexonis.

Piano, piano… vado piano piano, così lo capite forse.

1. Il sardo è UNA lingua per vari motivi.

1. 1.  Il riconoscimento politico giuridico nella legge dello Stato, in questo caso quello Italiano con la legge nr.482 del 1999.

1.2.   Il nome di una lingua ”la lingua sarda“, “sa limba/lingua sarda”, “su sardu”, “il sardo”.

1.3.   La coscienza del popolo sardo che i loro dialetti appartengono a un altro sistema linguistico, quello sardo e non quello italiano.

1.4.   L’esistenza di letteratura, scritta in sardo, anche se non unitaria.

1.5.   L’esistenza di una lingua comune o “esemplare” (che di solito diventa standard scritto)

 

Queste sono regole che il grande linguista rumeno Eugenio Coseriu ha stabilito per spiegare cos’è UNA lingua storica. Il sardo è una lingua storica.

I parlanti riconoscono ogni dialetto del sardo come tale. Per ciò, non è possibile “creare” due o più LINGUE SARDI, solo distruggendo tutti i punti menzionati su.

È una contraddizione in se perché il sardo è riconosciuto dai parlanti come dia-sistema che include il diatopico, diastratico e diafasico.

 

Su prus problema mannu insandus est ca Pepe & Curry e Company funt innorantis in sotziulinguistica. Bolit nai ca si-ddu depeus torrai a nai a bellu a bellu.

2. Esistono lingue che hanno più di uno standard. Ci sono vari motivi per questo:

I motivi sono: distanze geografiche, la formazione di nuovi stati, motivi storici, letterari, di riforme, litigi:

Esempi: Inglese (American/Australian/British English ecc.), Spagnolo (Isola Iberica/ Sudamerica), Portoghese (Portogallo/Brasile/Africa), Galles (Cymraeg llafar / Cymraeg llenyddol , Norvegia (Bokm°al / Nynorsk), Germania (Alte Rechtschreibung / Neue deutsche Rechtschreibung), Papiamentu (ortografia fonologiko / ortografia etimologico)… e ci saranno altri che ora non mi vengono in mente.

Nessun parlante di queste lingue direbbe che gli standard fanno parte di varie lingue… assurdamente, neanche gente che guarda queste lingue da fuori.

Custu bolit nai ca Pepi & Curry eCompany, narant scillorius candu chistionant de “partzidura”.

 

3. Nessuno vuole “partzire” il sardo… Sono loro che diffondono queste scemenze per creare una lobby alla LSC, ovvero: al sardo settentrionale.

Sono dei piccoli fascisti che vogliono che tutta la Sardegna scriva il sardo settentrionale: quello puro, delle montagne. Infatti chi lavora per la LSC di solito è un parlante del sardo settentrionale o qualcuno che l’ha imparato da grande.

Allora, questo ci porta al problema principale. Est craru chi Pepe & Curry e Company no funt meda abistus ca su chi narant, no portat a setiu.

Visto che allora vogliono costringere a tutto il popolo sardo di scrivere il sardo settentrionale (sinonimo di “logudorese”), è logico che la gente che scrive il sardo meridionale (sinonimo di “campidanese”) si senta presa in giro.

Per questo si devono inventare che siamo dei “partzidori”, gente che vuole fare due lingue, mentre come abbiamo visto prima il sardo dai parlanti è riconosciuto da sempre infatti con tutti i dialetti settentrionali e meridionali.

Una bella contraddizione in se stessa… laddove vediamo che la logica non è il loro forte… anzi, contraddizioni su contraddizioni… “lingua bandiera” che rispecchia una piccolissima parte della Sardegna, raccontando ai sardi meridionali che la frase: “Sos omines cherent mandicare” si può pronunciare: “Is ominis bolint papai”… ahhh no, scusate è vero… il lessico è libero… ma mi chiedo allora:

POITA no imperant MAI is fueddus de su sardu meridionali candu scriint in LSC? È tutto logudorese e poi ci mettono ddu / dda … ascu, ajò… est tropu lofiu e totus ddu sciint…

 

Custu bolit nai chi a) funt innorantis b) funt faulargius 3) funt pagu abistus

 

Pepi e Diego… dai… se non l’avete capito, ve lo spiegherò puru un atera borta… ehhh gei ddu sciu ca no est sintzillu … ma dai… vi farò un disegno… non preoccupatevi… c’è ancora speranza che anche voi ci arrivate… forse… un giorno.