Home » Articoli » Michela mala …

Michela mala …

Mamai mia est emigrada in su 1976. Meda bortas mi fia preguntendi “po ita”.

Mamai mia est emigrada in su 1976. Meda bortas cumprendu su “po ita”.

Davvero … a volte le cose osservate da qui sembrano una barzelletta. Poi, sinceramente, come sapete … se leggete il mio Blog spesso, a volte non capisco tutto bene e magari mi sfugge qualcosa. In questo caso però credo di aver capito bene, correggetemi se sbaglio.

Cerco di ricostruire l’avvenuto per i miei lettori tedeschi (o in Germania) e per chi non stava seguendo la storia.

Michela Murgia ha scritto nel suo Facebook che aveva problemi di trovare un volo in continente per andare ad un funerale. Il problema ovviamente sono i trasporti pubblici. O non ci sono o costano molto. La Murgia allora prende un volo Ryanair, però augura nel suo Facebook al presidente della Regione Autonoma Sarda Francesco Pigliaru e al Assessore dei trasporti degli ultimi tre anni Massimo Deiana che i figli avranno le stesse difficoltà un giorno.

E tutto si gira intorno a questa frase:

“Così auguro ai vostri figli lontani quando di andarvene toccherà a voi.”

In questa frase qualcuno ha voluto leggere che la Michela “mala” volesse augurare la morte, solitudine e dolori ai figli delle persone menzionate.

Una forma grave di “Cyberbullismo” … che ha portato Deiana chiamare la Murgia “l’Accabadora viva”. Poi sono intervenuti anche altri politici, parlando della forza delle parole e che dobbiamo “rimanere umani”. Io personalmente mi metto a ridere se lo dicono persone di destra … ma vabehh 🙂 (scusate la polemica)

La mattina stessa 4 senatori hanno scritto una lamentela alla RAI, dicendo che una persona pubblica, Michela mala, non dovrebbe esprimersi così. Un comportamento da quattordicenni dal mio punto di vista – spero proprio che nessuno di loro legga il mio Blog, altrimenti mandano una lettera alla presidente del circolo sardo di berlino, o al mio donatore di lavoro o addirittura a mia mamma … quella emigrata nel 1976 …

La prima cosa che mi sono chiesta è dov’erano tutti questi con la loro “political correctness” quando Ugo Cappellacci disse che Michela Murgia fosse la “Costa Concordia della politica”? A quanto pare alcuni politici non hanno il dovere di “restare umani”, visto che il gap tra “schettino della politica” (come lo chiamò lei a lui) e la risposta del ex-governatore, è molto grande … ma forse lo capisce solo una donna. Ok, acqua passata … beviamoci una tisana e rimaniamo calmi 😉

Per tre giorni non ho scritto niente, ma infondo mi brucia sotto le unghie… Il tema nel mondo degli emigrati sardi è abbastanza presente e come ricordo volentieri la frase di Franciscu Sedda “I Sardi sono emigrati, appena lasciano la Sardegna, non quando lasciano l’Italia”. Vuol dire che se dobbiamo vedere qualcuno o andare solo “a casa”, dobbiamo per forza superare quel mare.

Ho (soltanto) quasi 40 anni, ma mi ricordo i viaggi dalla Germania in Sardegna, quando ero piccola. Mia madre non ha la patente e abbiamo sempre preso il treno per Genova e da li la nave. Tre giorni ci abbiamo messo. Dormivo nel suo grembo, mentre lei era seduta sul divano nel bar della nave tutta la notte. Poi suo fratello o qualcun’altro veniva a prenderci. Il primo aereo che ho preso era forse agli inizi degli anni 90. Viaggiavo da Berlino a Roma con l’Alitalia e poi dopo addirittura da Olbia a Cagliari con l’Alisarda. A volte da sola, se non bastavano i soldi per entrambe.

Lo scrivo perché stavo leggendo gli “Atti del Sesto Congresso FASI: Continente / Sardegna. La rete degli emigrati sardi patrimonio dell’Isola. Solidarietà, cultura, progettualità: risorse per un nuovo sviluppo”, Quartu Sant’Elena (Cagliari) / 28-30 ottobre 2016. Ci sono tanti. Il tema è molto importante per la FASI e tutti gli emigrati ovviamente … e ho ricordato questi viaggi che feci da bambina. A questi congressi si parla sempre molto dei trasporti. Vorrei citare una parte dell’articolo di Tonino Mulas, presidente onoraio della FASI (p.28/29).

“Noi vogliamo che la questione della continuità territoriale venga intesa anche come assunzione di responsabilità da parte della Regione. Attualmente, nella convenzione con Tirrenia la Regione Sardegna non ha alcun ruolo. L’accordo scadrà nel 2020 e vogliamo che la Regione Sardegna si prepari e si impegni alla scadenza della convenzione ad essere presente come firmataria insieme con lo Stato, e continui a prevedere la possibilità degli oneri sociali per mantenere la continuità territoriale. Per una Regione autonoma che interviene sulle proprie ricchezze, i propri bisogni e ha una sua potestà legislativa sarebbe grave non intervenire sul problema centrale dei trasporti! È una questione di diritto, il diritto alla mobilità per tutti i cittadini, ma per la Sardegna è anche una questione di interesse vitale, perché, senza un sistema di trasporti adeguato alla richiesta, efficiente ed economico, non ci sarà turismo capace di reggere; non ci sarà sviluppo economico, visto che il turismo sta diventando uno dei settori principali dell’economia della nostra regione; sappiamo quanto siano in difficoltà l’industria e l’allevamento. Questa partita non dobbiamo giocarla solo noi che difendiamo il nostro interesse di emigrati ad avere il diritto di ritornare nella nostra terra, questa battaglia deve essere di tutti i sardi – questo non è sempre accaduto -, deve essere di tutta l’opinione pubblica e in primo luogo del governo della Sardegna.”

Il tema è stato affrontato anche qui in Germania durante il Congresso della Federazione dei Circoli Sardi in Germania. Ciò che porta la rabbia è che aspettare ad un mezzo ci costa molto tempo, poter fare solo un viaggio all’anno vuol dire avere meno tempo con i nostri cari, ma anche per organizzare eventi all’estero per fare promozione per la Sardegna, costa tempo e si possono fare meno cose … e niente ha più valore del nostro tempo.

Io, intanto vorrei fare le condoglianze a Michela Murgia per l’amica che ha perso. Visto che qualcuno si è infastidito del “non-frastimu” della Murgia, mentre lei ha veramente perso una persona cara.

Vorrei chiudere il mio commento a questa gonfiata inutile del Facebook della scrittrice, dicendo che i politici non hanno solo la responsabilità di pensare ai propri figli, ma di migliorare la vita di tutti i figli che quella terra ha partorito.

 

 

Annunci

4 thoughts on “Michela mala …

  1. Purtroppo non sono d’accordo col deresponsabilizzare la scrittrice e il personaggio pubblico Michela Murgia del peso delle sue parole. Evidentemente per lei le parole sono soltanto invenzione narrativa e parole al vento. Che d’estate sia difficile raggiungere e abbandonare la Sardegna, per chiunque, è noto da tempo e i politici hanno sicuramente le loro responsabilità. Ma c’è modo e modo nel formulare critiche e analisi. Questione di capacità scrittoria, di adeguatezza alla situazione e di consapevolezza del proprio ruolo (la quale ultima in M.M. è alta come l’ho potuto constatare di persona a Gavoi, l’anno scorso, potrei fare del sarcasmo ma non lo faccio). E che una volta le cose siano andate storte anche a Michela Murgia non giustifica l’anatema da parte di una persona che avendo compiuto studi teologici dovrebbe sapere benissimo cosa sta dicendo e scrivendo e dunque facendo (funzione performativa del linguaggio), soprattutto sapendo (se lo sa) che in Sardegna molti documenti medievali si concludevano con formula come la Sua.

    • Marinella, hey… sorry, aber du bist echt von der alten Schule! Du glaubst doch nicht ernsthaft, dass da sowas wie versteckte Intertextualität existiert??? Ich weiß, was du meinst, aber, sofern ich das in meinem kleinen Rahmen beurteilen kann, gibt es in Sardinien keine waschechten Philologen. Und schon gar nicht werden die Fächer, von denen wir etwas erwarten, auf irgendeinem Level unterrichtet, das wir gewohnt sind.

      Voll arrogant, aber deswegen mögen die niemanden, der denen mal erzählt, wo der Hase lang läuft.

      Ich mag dich, weil du so eine Vollblutromanistin bist, wie sie im Buche steht. Recherche gut, Klarheit gut, Übersicht gut. Du bist für mich noch vom alten Eisen.

      Das kannst du aber nicht von anderen erwarten und schon gar nicht in anderen Fächern.

      Davon abgesehen ist Facebook Facebook und bleibt Facebook. Ein angepisster Kommentar von einer Schriftstellerin (ob sie Theologie von hundert Jahren studiert hat oder nicht) sollte nicht so aufgebauscht werden.

      Ich glaube, wir sollten in diesem Sinne adäquat situativ argumentieren. Mit sehr viel Ironie und ganz wenig Wissenschaft. Denn wissenschaftlich sind die Sarden, meines Erachtens, nicht aufgestellt.

      Es war mir wie immer eine Freude deine Meinung zu lesen, anzi… Es ehrt mich, dass du meinen Blog liest, aber … Ich als letzte Schülerin vom letzten Doktoranden von Lausberg, sage dir! Interpretiere nichts.

      Lieben Gruß ; -)

  2. Cara Alexandra, scusami se non ti rispondo in tedesco, ma non ne sono all’altezza. Hai ragione su molte cose, ma … anche Facebook sta cambiando e cambierà, parola di Mark Zuckerberg. Michela Murgia non la giudico come scrittrice, la cosa mi è indifferente (ne ho letto qualcosa e certe cose le apprezzo, altre no) perché “pro captu lectoris habent sua fata libelli” e soprattutto il destino o il futuro dei libri è imprevedibile. Quello in cui M.M. è indubbiamente brava è nell’attirare l’attenzione su di sé, con trovate anche simpatiche, se vogliamo, come la storia di Chirù inesistente, alla quale potrei aggiungere la storia di Chirù esistente, se i gentili lettori vorranno ascoltarla. Altre trovate lo sono meno, altre di dubbio gusto. Ma tutto fa brodo, pardon .. visibilità e spettacolo, che è la parola d’ordine della ‘nuova scuola’. In un racconto facente parte di un’antologia su gatti superumani, uno sceneggiatore sfigato e di poco talento non sa più cosa inventarsi per tenere alta l’attenzione sul suo serial e così ragiona: cosa potrei ancora inventare o reciclare? lebbra, cancro, incesto, amori bestiali, combinati o separatamente? Aggiungiamo: scomodi sedili Ryanair senza business class?, che Dio li tenga in vita altrimenti non so come arriverei da mio figlio in Scandinavia. Così siamo noi, tra una fake new e un’altra, tra una bufala e un’altra, tra una semplice balla o semi-balla e un’altra, tanto come si può sapere che non è vera? Cosa significa quello screen-shot come “prova”? Niente di niente, per cui anche il resto è niente di niente. E, pensandoci bene bene, è da scemi prendersela (se non fosse stata evocata la morte – questo fa la differenza). Il tutto è uno zero al quadrato. Una bolla di sapone. Ma la struttura fisica della bolla di sapone è interessantissima. Per questo vale la pena di parlarne, anche se all’interno c’è lo zero al quadrato. Cari saluti anche a te. Qua si crepa di caldo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...