Home » Uncategorized » L’ultimo articolo di Bolognesu

L’ultimo articolo di Bolognesu

Torraus:

http://bolognesu.wordpress.com/2014/10/28/giganti-fantasmi-isoglosse-sardo-unitario-e-carriere/

Ma questa scemenza viene da Bolognesu o da Corongiu???

Corongiu, “Il sardo una lingua normale… “p.44:

“Il lavoro di Michel Contini, forse il primo che è sceso sul campo a studiare i dialetti con gli strumenti della linguistica moderna insieme a Maurizio Virdis (ma quest’ultimo solo per i dialetti meridionali), ha disturbato le verità “sociali” della linguistica accademica e curiosamente non è stato neppure tradotto in italiano dalla lingua in cui è scritto, il francese. Né il suo testo è stato adottato nelle università sarde. “

Non so com’è in Sardegna, ma di solito una persona che si occupa di lingue romanze (“ein Romanist”, nel senso classico della parola, uno laureato in Romanistik) conosce il francese, per ciò, non è necessario tradurre testi dal francese all’italiano per le catedre di romanistica e i loro studenti. Non avere almeno una conoscenza passiva del francese, cioè riuscire a leggere testi in francese, è impossibile, almeno per studenti di Romanistik in Germania.

È giusto un argomento per farci credere che le università sarde (e altre) vogliano nascondere i testi di Contini. Callonada manna… li conosciamo anche tutti in Germania. Tra l’altro anche nella sua relazione qui a Berlino 2001, Contini, aveva fatto la sua relazione con questa cartina, riportata nel libro “Su sardu, limba de Europa, Limba de Sardigna” (2004) che troviamo qui:

http://www.sardegnadigitallibrary.it/mmt/fullsize/2010072213042400039.pdf (p. 113-139)

in italiano… accessibile per tutti e non solo nel blog di Bolognesu.

Ciò che rimane è di voler mettere in bocca roba alle persone che non hanno mai detto.

Potremo anche sostituire le due parole “Logudorese” e Campidanese” con i termini “sardo meridionale” e “sardo centrale-settentrionale”, termini che tutti usano senza problemi anche le persone che dicono che il “campidanese” e il “logudorese” non esistano. Wagner ha scritto questo, basta leggerlo bene.

Sappiamo benissimo che nessuno ha in mente i dialetti che si parlano nel Campidano quando si parla del “Campidanese”, ma che il termine funge come una metonimia per le parlate di tutto il sud della Sardegna.

Sappiamo che nessuno pensa alla zona storica del “Logudoro” quando si parla del “Logudorese”, ma che stiamo parlando dei dialetti del centro-settentrionali della Sardegna (fino a quelle isoglosse forti che si vedono anche nella cartina di Contini).

Cioè, i termini “Logudorese” e “Campidanese” non indicano nient’altro che “sardo meridionale” e/o tutto ciò che non lo è.

Infatti, il caro Bolognesi, parla sempre di “meridionalizzare” la LSC? Cosa intende con questo?

Intende di avvicinarsi a quei tratti che per i sardi sono “meridionali” ovvero: “campidanesi”, la X per esempio… o il lessico libero.

Sono tutti giochi di parole inutili perché sappiamo tutti benissimo che si parla delle stesse isoglosse che differenziano il sardo “meridionale” dagli altri dialetti sardi… questo nella mente dei sardi, in un linguaggio popolare è il “campidanese”.

Non di più e non di meno… è talmente stupido e futile questo discorso che fa ridere ai polli.

In pratica le “Arregulas” sono solo una “merodionalizzazione” della LSC più forte di quella che propone Bolognesi, aggiungendo anche altri tratti “meridionali” o “identitari”, come li chiama Bolognesu stesso.

La “bugia” in realtà consiste nel voler far credere a tutti che gli intellettuali “meridionali” vogliano creare “due lingue”, quando propongono solo l’uso di finali in -i e -us e due altre cazzate… così come nella LSC si può usare ddu/dda – lu/la e is-sos/sas.

Stiamo parlando di quattro cazzate che si potranno usare parallelamente (e che tra l’altro è già così, se ci guardiamo intorno tra le persone che scrivono in sardo).

Ma… volete bisticciare? Bisticciamo ancora, mentre il sardo da 15 anni sta solo morendo per questa incapacità di voler ammettere che il sardo che è UNA lingua dovrebbe e potrebbe avere per un certo periodo una grafia più aperta… perché tanto poi, si unifica da sola.

Annunci

One thought on “L’ultimo articolo di Bolognesu

  1. E’ strano quanto il dott. Corongiu sia addentro alle cose dell’università, alla quale non appartiene, e non a quelle della Regione, alla quale appartenne per numerosi anni. Perché non ha fatto lui tradurre il lavoro di Contini? Questo sì che è curioso. Ne aveva tutti i mezzi, soprattutto i soldi. Mi risulta che l’autore abbia chiesto un finanziamento oppure abbia proposto alla Regione che venisse tradotto, e la Regione cosa ha fatto? Niente. Perché il dott. Corongiu non ha rispolverato quel progetto? Che il lavoro non sia stato adottato, è una sciocchezza e non significa nulla. Chi ne aveva bisogno andava e lo consultava, adottato o non adottato. E poi, comunque, cosa ne sa il dott. Corongiu? Era un supervisore dei programmi, delle tesi, della ricerca universitaria? Cosa significa ‘sceso sul campo a studiare con gli strumenti della linguistica moderna’? Niente. Chi è sceso sul campo 50 anni prima, lo faceva con gli strumenti moderni della propria epoca. E ha dato il proprio contributo, persino quando ha sbagliato. Dal quale hanno imparato gli altri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...