Home » Ciò che Giuseppe Corongiu non dice ... e non sa » Corongiu, Cabuderra … e cosa chentza cabu

Corongiu, Cabuderra … e cosa chentza cabu

In su jassu de sa limba sarda 2.0 ant pubricau unu articulu:

“Sa delìbera de Cabuterra chi at mortu is Arrègulas”, di Anzelu Canu, (scusate: Angiulu).

http://salimbasarda.net/politica-linguistica/sa-delibera-de-cabuterra-chi-at-mortu-is-arregulas/

Mi faint unu pagu arriri, narrendi cussus scillorius. Ohh… ant mortu una grafia.

Eus biu? Angiulu Canu at bociu sa X cun d-unu fucili … a palas… hahahaX

No sciemu ca is LSC’istas imoi tenint sa missioni de bociri is “Arrègulas”. Insandus, imoi est ufitziali:

Bolint bociri su sardu meridionali.

Is Arrègulas funt is arregulas de su sardu meridionali e ddas bolint biri mortas.

Eja, ddu scieus totus ca praxit a Pepi contai sa beridadi a manera sua… sa beridadi inventada ca torrat semperi bonu a issu, a sa LSC e a is amigheddus suus.

Mahhh… vediamo un secondo come sono andate le cose e dove Angiulu non ci racconta tutta la storia:

Sa delibera de su Consillu comunali de Cabuderra, narat unas cantu cosas craras: Su primu firmatariu, Ruiu,(PSI de Nugoro, mi creu ca siat amigu de Corongiu, duncas po sa LSC) at presentau un’o.d.g. aundi sa prus cosa de importu no fiat LSC eja, LSC no, Arrègulas eja, Arrègulas no, ma fiat Corongiu, de comenti podeus biri in s’acabu de s’o.d.g.:

“Detto ciò, infine, il consiglio comunale di capoterra chiede: un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria, anche mediante il rinnovo della fiducia ai vertici del servizio regionale lingua e cultura sarda e per il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano”.

Custu  “rinnovo della fiducia ai vertici del servizio regionale lingua e cultura sarda” ddu cumprendeus est/fiat CORONGIU

Difatis sa documenta fiat (p.3) de intregai a 4 personis:

a) Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru

a) Assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino

b) Presidente 2^ Commissione Regionale Cultura e Identità Linguistiche Gavino Manca

c) Direttore Servizio Lingua e Cultura Sarda Giuseppe Corongiu

Ma su Consillu totu, duncas fortzis finsas calincunu amigu de Ruiu, at nau craramenti ca de Corongiu mancu si-ndi chistionat. Difatis, andendi a ligi in sa delibera aprovada (sa chi ballit), delibera Consiglio comunale di Capoterra, su nomini de Corongiu est sparessiu: no si fueddat prus de “rinnovo della fiducia ai vertici”, ma de “potenziamento del servizio regionale”:

“Detto ciò, infine, il consiglio comunale di capoterra chiede:un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria, anche mediante il potenziamento del servizio regionale lingua e cultura sarda e per il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano”.

Imprus Corongiu est sparessiu finsas de is nomini chi ant a arriciri sa litera:

Si inoltra copia di tale documento a:

a) Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru

b) Assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino

c) Presidente 2^ Commissione Regionale Cultura e Identità Linguistiche Gavino Manca

d) al Capogruppo Consiglio Regionale Sardegna, al Sottosegretario Cultura On. Barracciu e ai Parlamentari Europei.

Est andada diaici. Corongiu at circau agiudu in Cabuderra po abarrai su ditadori de s’ufitziu de sa lingua, in Regioni, contendi apitzus de Ruiu.

Difatis sa proposta de o.d.g. est protocollada su 23/05/14 e duncas, mi pensu ca Ruiu e Corongiu si funt atobiaus de seguru sa cida innantis de su 23, candu Pepi fiat ancora baddendi po abarrai in Regioni (circhendi de si fai fai sa lei ad personam).

Aciungi ca nci bolit su tempus de scriri su documentu (scritu mali meda) e de arregolli is firmas. Po circai de abarrai in sa cadira Corongiu at circau agiudu in donnia logu ponendi fogu in donnia logu…

Ma in custa delibera, a castiai su documentu avotau, su nomini suu (de Corongiu) mancu nc’est. Ita cosa? Ita est sutzediu? Innantis de avotai su documentu, s’assessori Lai, su sindigu e aterus (chi funt contras de sa LSC) ant domandau 10 minutus de sospensioni de Consillu, po podi cuntratai e cambiai calincuna cosa…

… su documentu dd’ant scritu e avotau, sena de su nomini de Corongiu. E dd’at avotau Ruiu puru e is aterus 7 chi dd’iant firmau. In s’acabu de su documentu no si chistionat de LSC. Ma sceti de:

1)    un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria,

2)    il potenziamento del servizio regionale lingua e cultura sarda (chi no podit essi  Corongiu)

3)     il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano

Duncas Cabuderra: (NO Cabuterra, Angiulu!)

1 no at achipiu sa LSC

2 s’aguantat is Arrègulas chi nd’at achìpiu in su 2013 (arreconnotas de su documentu puru)

3 No at bofidu ponni su nomini de Corongiu

 

Custu bolit nai ca:

Limba Sarda 2.0 est contendi faulas candu narat ca

Sa delìbera de Cabuterra at mortu is Arrègulas“.

Nemus at mortu nudda e a nemus.

Mi creu ca is amigus chi tengu deu in Cabuderra ant a sighiri a imperai e imparai is Arrègulas.

Cabuderra, poita? 🙂 Ddu scieus totus. Pepi bolit segai s’arrexini de su moimentu de resistentzia e si pensat ca su problema funt personis cumenti a Oreste Pili o Paolo Zedda ecc. Ma no est diaci… su problema est issu etotu e sa LSC… sciadau.

E insandus ita fait? Circat amigus e amigheddus po fai cresci sa trumixedda sua.

Oioi, chini at a essi mortu in su tempus benidori? Fortzis custa borta Pepi the Ripper bocit unu tempus verbali o unu fueddu… ahhh no, is fueddus funt de Corraine…

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

6 thoughts on “Corongiu, Cabuderra … e cosa chentza cabu

  1. Ant circau de bendi allu po cibudda, perou “scripta manent”, sa beridadi ndi bessit sempiri. Unu classicu “darsi la zappa” sui piedi! 🙂

  2. Sa delìbera mi dd’apu lìgia beni deu puru…
    est berus ca est scrita a sa trallallera (e custu fait pensai a sa trassa chi tenit a chi dd’at proposta!) ma est crara meda ca no at mortu po nudda is Arrègulas! Antzis ddu marcat puru ca su comunu de Cabuderra ddas sighit!
    Est una manera de arremonai is novas chi circat sceti de frigai cussa genti chi ligit cussu giassu e no andat a aberigai chi funt narendi berus o fàulas.
    E comenti si siat est bregùngia manna chi unu contzilleri circhit de sarvai su culu de unu funtzionàriu trassendi cun sa lìngua sarda… unu contu est a sarvai sa lìngua sarda unu contu est a sarvai sa poltrona a unu! Custu ti fait pensai meda asuba de totu custa genti chi si movit “po sa lìngua sarda”, àteru che “tocat a sarvai sa lìngua sarda”! De sa lìngua sarda non ndi si afutit nudda est sceti una scusa po cuai àterus interessus!
    Mancu mali ca genti scida in contzillu ndi ddui at!

  3. Mi domando perché vi occupate tanto del dott. Giuseppepepe, come ama firmarsi. Se si è dichiarato un semplice funzionario-impiegato che eseguiva ordini altrui, prendetene atto e scavalcate il problema che non esiste più. E organizzatevi come meglio credete senza misurarvi costantemente con il suo fantasma. Oramai è un’era chiusa, come era normale che avvenisse, che però i suoi fans da lui illusi fanno di tutto per riaprire, ma oramai invano. C’è da avere comprensione per chi è stato illuso che sarebbe stato un cammino senza intoppi, ma non per l’illusionista. L’autoritarismo è di casa di questi tempi nella politica, ma per non per le mezze tacche. E l’ignoranza culturale in materia completa il quadro. E il linguaggio usato ne è testimone ma anche sostanza di quell’ignoranza. Cambiate rotta e obiettivi, se ci riuscite. Auguri.

  4. Cara Marinella, ovviamente hai ragione. Il problema è che nel loro blog raccontano balle e poi le mandano anche in Facebook. Le scemenze proprio grosse, soprattutto quando riguardano le Arrègulas a volte vanno anche chiarite, prima che la gente inizia a credere le loro scemenze 🙂 Giusto per questo…

  5. Non volevo aggiungere altro. Ma che Facebook sia il top dei top come luogo di discussione, è leggermente contestabile. E chi è tutta questa gente? In questa situazione economica drammatica credo che la gente si preoccupi prima di tutto di sopravvivere.

  6. Da http://salimbasarda.net/politica-linguistica/collu-progres-fintzas-in-is-relatas-internatzionales-sa-limba-nostra-est-su-sardu/

    “Sàbadu e domìnigu passados in su Tzentu de Cultura Bonnemaison de Bartzellona b’est istadu su cungressu internatzionale de Procès Costituent, sòtziu cadalanu chi traballat pro portare a in antis unu protzessu costitutzionale pro sa Repùblica Cadalana. Intre is vàrios interventos dae medas natziones sena de istadu, sa delegatzione sarda fiat rapresentada dae ProgReS Progetu Repùblica, su partidu indipendentista chi a is ùrtimas eletziones natzionales sardas at tentu su resurtadu prus bonu. Nde chistionamus cun su segretàriu natzionale nou, elèghidu in su cungressu de Maju, Gianluca Collu Cecchini […].”

    C’è la ripresa dell’intervento di G.C.C. che io così commenterei, sul piano strettamente linguistico: Potevano mandare qualcuno che non leggesse in una lingua italiana travestita da sarda. Dopo il saluto iniziale segue un intercalare in italiano (“mi sentite, sì?”), segnale inconfondibile di qual è la sua lingua dominante. Azzeccata e cortese, considerata la circostanza, anche la traduzione, in spagnolo e inglese (per quel che si vede alle sue spalle). Non hanno trovato nessuno che traducesse il testo in catalano?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...