Giulio Solinas e la difesa del campidanese

Oggi sono stata a casa di mia madre e ho ritrovato l’opuscolo di Giulio Solinas (2001) “Questione del <<sardo illustre>> e difesa del campidanese”, Comune di Quartu S. Elena: Lions Club.

Un libricino che mi aveva regalato Frantzi Lai un paio di anni fa per farmi cambiare idea sulla LSC. Un testo dove si parla della “difesa” delle proprie ricchezze.

Parla prevalentemente della letteratura sarda meridionale. Si tratta di annotazioni e cenni bibliografici di testi antichi, di scrittori moderni, di poeti de del teatro meridionale sardo.

Lo menziono spesso nei confronti dei LSC’isti. Credo che tutti lo debbano leggere per rendersene conto di come sono andate le cose dopo la scelta della LSU.

La LSU e la LSC sono quasi uguali. Poche cose sono state cambiate e qualcuna anche addririttura a favore del sardo settentrionale. Per ciò, chi dice che la LSC fosse stata “meridionalizzata”, non conosce il sardo meridionale.

Bene, comunque… vorrei condividere un paio di pagine di Solinas con voi, giusto perché credo che lui abbia scritto delle cose molto intelligenti. Rispecchia quasi uno a uno ciò che la maggior parte del movimento linguistico meridionale pensa.

La maggior parte di noi pensa ancora ciò che Solinas ha scritto 13 anni fa, anche se qualcuno di noi non direbbe “lingua campidanese”, i pensieri sono molto vicini.

Io vi metterò a disposizione le sue conclusioni (pag. 45-49). Buona lettura.

 

20140727_231722-1-1

 

 

20140727_232011-2-1

20140727_232301-1

20140727_232532-1

20140727_232707-1

 

 

Annunci

Corongiu, Cabuderra … e cosa chentza cabu

In su jassu de sa limba sarda 2.0 ant pubricau unu articulu:

“Sa delìbera de Cabuterra chi at mortu is Arrègulas”, di Anzelu Canu, (scusate: Angiulu).

http://salimbasarda.net/politica-linguistica/sa-delibera-de-cabuterra-chi-at-mortu-is-arregulas/

Mi faint unu pagu arriri, narrendi cussus scillorius. Ohh… ant mortu una grafia.

Eus biu? Angiulu Canu at bociu sa X cun d-unu fucili … a palas… hahahaX

No sciemu ca is LSC’istas imoi tenint sa missioni de bociri is “Arrègulas”. Insandus, imoi est ufitziali:

Bolint bociri su sardu meridionali.

Is Arrègulas funt is arregulas de su sardu meridionali e ddas bolint biri mortas.

Eja, ddu scieus totus ca praxit a Pepi contai sa beridadi a manera sua… sa beridadi inventada ca torrat semperi bonu a issu, a sa LSC e a is amigheddus suus.

Mahhh… vediamo un secondo come sono andate le cose e dove Angiulu non ci racconta tutta la storia:

Sa delibera de su Consillu comunali de Cabuderra, narat unas cantu cosas craras: Su primu firmatariu, Ruiu,(PSI de Nugoro, mi creu ca siat amigu de Corongiu, duncas po sa LSC) at presentau un’o.d.g. aundi sa prus cosa de importu no fiat LSC eja, LSC no, Arrègulas eja, Arrègulas no, ma fiat Corongiu, de comenti podeus biri in s’acabu de s’o.d.g.:

“Detto ciò, infine, il consiglio comunale di capoterra chiede: un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria, anche mediante il rinnovo della fiducia ai vertici del servizio regionale lingua e cultura sarda e per il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano”.

Custu  “rinnovo della fiducia ai vertici del servizio regionale lingua e cultura sarda” ddu cumprendeus est/fiat CORONGIU

Difatis sa documenta fiat (p.3) de intregai a 4 personis:

a) Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru

a) Assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino

b) Presidente 2^ Commissione Regionale Cultura e Identità Linguistiche Gavino Manca

c) Direttore Servizio Lingua e Cultura Sarda Giuseppe Corongiu

Ma su Consillu totu, duncas fortzis finsas calincunu amigu de Ruiu, at nau craramenti ca de Corongiu mancu si-ndi chistionat. Difatis, andendi a ligi in sa delibera aprovada (sa chi ballit), delibera Consiglio comunale di Capoterra, su nomini de Corongiu est sparessiu: no si fueddat prus de “rinnovo della fiducia ai vertici”, ma de “potenziamento del servizio regionale”:

“Detto ciò, infine, il consiglio comunale di capoterra chiede:un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria, anche mediante il potenziamento del servizio regionale lingua e cultura sarda e per il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano”.

Imprus Corongiu est sparessiu finsas de is nomini chi ant a arriciri sa litera:

Si inoltra copia di tale documento a:

a) Presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru

b) Assessore della Pubblica Istruzione Claudia Firino

c) Presidente 2^ Commissione Regionale Cultura e Identità Linguistiche Gavino Manca

d) al Capogruppo Consiglio Regionale Sardegna, al Sottosegretario Cultura On. Barracciu e ai Parlamentari Europei.

Est andada diaici. Corongiu at circau agiudu in Cabuderra po abarrai su ditadori de s’ufitziu de sa lingua, in Regioni, contendi apitzus de Ruiu.

Difatis sa proposta de o.d.g. est protocollada su 23/05/14 e duncas, mi pensu ca Ruiu e Corongiu si funt atobiaus de seguru sa cida innantis de su 23, candu Pepi fiat ancora baddendi po abarrai in Regioni (circhendi de si fai fai sa lei ad personam).

Aciungi ca nci bolit su tempus de scriri su documentu (scritu mali meda) e de arregolli is firmas. Po circai de abarrai in sa cadira Corongiu at circau agiudu in donnia logu ponendi fogu in donnia logu…

Ma in custa delibera, a castiai su documentu avotau, su nomini suu (de Corongiu) mancu nc’est. Ita cosa? Ita est sutzediu? Innantis de avotai su documentu, s’assessori Lai, su sindigu e aterus (chi funt contras de sa LSC) ant domandau 10 minutus de sospensioni de Consillu, po podi cuntratai e cambiai calincuna cosa…

… su documentu dd’ant scritu e avotau, sena de su nomini de Corongiu. E dd’at avotau Ruiu puru e is aterus 7 chi dd’iant firmau. In s’acabu de su documentu no si chistionat de LSC. Ma sceti de:

1)    un immediato intervento del Governo della Regione per salvaguardare le sorti della nostra lingua identitaria,

2)    il potenziamento del servizio regionale lingua e cultura sarda (chi no podit essi  Corongiu)

3)     il pieno riconoscimento del bilinguismo da parte dello Stato Italiano

Duncas Cabuderra: (NO Cabuterra, Angiulu!)

1 no at achipiu sa LSC

2 s’aguantat is Arrègulas chi nd’at achìpiu in su 2013 (arreconnotas de su documentu puru)

3 No at bofidu ponni su nomini de Corongiu

 

Custu bolit nai ca:

Limba Sarda 2.0 est contendi faulas candu narat ca

Sa delìbera de Cabuterra at mortu is Arrègulas“.

Nemus at mortu nudda e a nemus.

Mi creu ca is amigus chi tengu deu in Cabuderra ant a sighiri a imperai e imparai is Arrègulas.

Cabuderra, poita? 🙂 Ddu scieus totus. Pepi bolit segai s’arrexini de su moimentu de resistentzia e si pensat ca su problema funt personis cumenti a Oreste Pili o Paolo Zedda ecc. Ma no est diaci… su problema est issu etotu e sa LSC… sciadau.

E insandus ita fait? Circat amigus e amigheddus po fai cresci sa trumixedda sua.

Oioi, chini at a essi mortu in su tempus benidori? Fortzis custa borta Pepi the Ripper bocit unu tempus verbali o unu fueddu… ahhh no, is fueddus funt de Corraine…

 

 

 

 

 

 

 

Bèlgiu – Stadus Unius 2-1

Stèvini ...su chercu

Sa truma de Wilmots depit abetai is suprementàrius (nexi puru de is paradas de Howard) ma agoa bincit a is Stadus Unius: unu-duus in su primu tempus, a nudda serbit su gou de Green. Sàbudu in Brasìlia su disafiu a Messi

SALVADOR – Est unu Mundiali diesel. Unu Mundiali macu, cun disafius chi s’alluint a giogu giai sculau. Unu Mundiali grandiosu. A is cuartus si presentant totu is bincidoras de furriamenta, apustis de cincu suprementàrius in otu disafius, sena contai s’acabu a dillìriu intra Mèssicu e Olanda. Bessint cun onori is Stadus Unius, coru e artivesa a fuliadura ma tropu prus pagu calidadi de su Bèlgiu, chi apustis de un’arrenta tzopi-tzopi in sa furriamenta de inghitzu imprassat in orabona su gèniu stravanau de Romelu Lukaku, capassu in mesora de spruinai atesu aversantis e scretiduras asuba de issu. Su centruananti intrat in campu apustis de su de 90′ e segat in…

View original post 955 altre parole