Home » Uncategorized » Le risposte dei parlanti

Le risposte dei parlanti

Ciao… vi vorrei far leggere alcune osservazioni e commenti dell mia piccola richiesta sui testi in sardo… un paio di giorni fa.

https://alexandrarrexinisarrexonus.wordpress.com/2014/05/27/se-siete-sardi-e-conoscete-il-sardo-per-favore-rispondete-e-condividete/

Avevo chiesto quale testo secondo i parlanti rispecchiasse nel miglior modo la loro parlata.

1) LSC 2) Arregulas 3) GSC di Bolognesi

Inutile aggiungere che per 1) hanno optato le persone nel nord di Oristano

per 2) quelli delle parti nel sud di Oristano… e per il 3) le zone di “Mesania”, tipo Villagrande. Con il test volevo dimostrare che la LSC è lontana dai sardi meridionali… quod erat demonstrandum.

ecco alcune risposte… giusto per divertirci 🙂

Matteo:

“Ciao Alexandra, come va? Ho letto il post con i 3 testi. È curioso: Hai provato a fare un copia e incolla su Google Translate e cliccare su rileva lingua? Il testo N. 1 viene riconosciuto come portoghese, il testo N. 2 non viene riconosciuto e il testo N. 3 come spagnolo. Comunque dei 3 riesco a leggere più scorrevolmente il testo N. 2. Io sono originario di Cagliari, zona Via La Vega, Is Mirrionis : )”

Marcello:

“N. 1 – De sa zona ‘e Nùgoro. Ieo so’ de Onieri. Sa ‘e duas mi data gherra a la leghere: la cumprendo ma no est cosa ‘e leghere a sa lestra. Sa ‘e trese la cumprendo menzus. In ogni caso il testo n. 1 ha, secondo me, un difetto, il solito difetto di molti testi scritti in sardo: sembra pensato in italiano, dopodichè si è fatta la traduzione parola per parola, rispettando esattamente quella che è la costruzione della frase in italiano. In altre parole, se fosse scritta da uno che parla e pensa in sardo sarebbe diversa. Inoltre, largo uso di parole che non sono sarde. Troppe. Tipo otennere e indispensabile.”

Peppe:

“Le tre grafie per me non presentano nessun problema. Le riconosco come grafie sarde, nonostante le variabili lessicali.Sebbene io sia nato e viva nel nuorese, scelgo la numero 3 perché trovo che la sintassi è la più sarda di tutte. La num. 2 presenta solo a tratti una sintassi italianizzante. La num.1 invece è “italiano corrente”, sia nella sintassi sia nel lessico. Si fa immediatamente riconoscere come “LSU burocratese”, cioè la banale trasposizione grafica sardizzante di un pensiero tutto italiano: è evidente la mancanza assoluta di impegno nel pensare o nel voler tradurre quel pensiero in lingua sarda.”

Mario:

“La 2 sicuramente. Però succede una cosa strana: la 1 e la 3, nonostante non mi siano prettamente familiari, le leggo con più facilità perché quasi tutti gli scritti in sardo che mi è capitato di leggere erano più simili a questi e quindi sono già un po’ abituato. Sono di Terralba, basso Oristanese.”

Marco Thomas:

“2– originis maurreddas, bivu in Casteddu. Perou cicaus/cicamus de traballaj totus inpari po standardizaj sa numeru 3, sa LSC, cichende de dda milioraj ponende unu pagheddu de logudoresu e unu paghedu de campidanesu, no fait nudda sin’di bessit a pilu una limba amisturara. In pagu tempus totu sos sardus s’abituant a dda iscriri aicci e a dda fueddaj accumenti cherent /bolint. Mi parit ca est sutzediu po sas ateras limbas puru, s’italianu est unu esempiu. Sos napoletanus romanus ecc. candu iscrinti ddu faint in italianu candu fueddant ddu faint in su dialetu inssoru.”

Brunello:

“2. È la parlata di Pauli (campidanese centrale).3. soluzione non impossibile, con opportune regole di pronuncia. Non condivido l’uso del “K”; meglio CH o QU. Non vedo la X. come si sarebbe scritto nel N°3 arrexonis e cidixeddas del N°2? arrexones e cidixeddas?”

Carlo:

“su lussurzesu,comente narat su pitzocu paesanu meu,este su faeddu logudoresu,namus sa parte campidanesa,comente poitzione zeografica de su logudoro,,ma nn tenet nudda de campidanesu. Faghimus de lacana a sas didda prus a zosso, ‘onorcadu e Seneghe,inue zai s’influentza campidanesa si intennet zai. Carlo Pische Santu lussurzu 1957”

Giulio:

“La prima è LSC. Si nota subito dalla morfologia logudorese, dal lessico stracarico di calchi dall’italiano, dalla ricerca degli arcaismi che fanno tanto “puro” e “conservativo” come l’aggiunta di in “sunt” e dalla fonologia incerta, con accenti grafici che non cadono sulla terzultima sillaba ma sulla terzultima vocale: “contràrios”, “istùdios”. Il secondo sembra un tentativo di standard campidanese che sicuramente è più vicino alla parlata della mia città, Oristano. La terza l’hai inventata tu? Ho dei dubbi che da qualche parte le isoglosse si possano intersecare in quel modo…”

Ecco… e torru… deu no ddu apu sceti postu me is logus de genti de basciu. mi creu chi totu cussa genti chi arrespusta at torrau, no siat genti chi bolit amarolla su sardu de basciu… ant sceti biu su chi s’assimbillat a su propriu… abarru cun s’opinioni mia: Is prus mellus linguistas funt is fueddadoris.

Bona noti.

 

Annunci

29 thoughts on “Le risposte dei parlanti

  1. Dias aere dèpiu pònnere su matessi testu però, pesso…proite non provas a fachere s’esperimentu a s’imbesse…imbetzes de su testu in sardu, pone unu testu in italianu, su matessi pro totus, e pedi a sa zente de lu bortare in sardu. Deo pesso chi de ortografias nde diant essire prus de tres.
    Deo soe de Nùgoro, e ti poto nàrrere chi fintzas su nugoresu s’istresiat bastante dae sa LSC, e in teorìa deo diat depere essere “cabesusesu”.
    Chin duas “x”, una pàia de “is” e carchi verbu chi acabat in “i” est troppu fàtzile acurtziare sos campidanesos…e sa sintassi? su lessicu? Dimanda “Bollu sciri comenti si tzerriat su pippistrello in biddas de bosaterus” a bìdere ite nd’essit a campu.
    Nau custu, deo no apo perunu problema a léghere totu sas tres variantes chi as postu.

    • Vuoi fare il furbo? 🙂 sappiamo che in sardo esistono quasi 60 parole per dire pipistrello e almeno 40 per dire farfalla. Non è un discorso di parole.. è una cosa che riguarda le discours… il testo… eja… hai ragione… potremo fare s’ imbressi… e sai cosa succederà? Avremo un sacco di testi laddove la gente inserisce le paragogiche e altre cose di ‘bidda’ e comunque alla fine ci ritroviamo sempre a poter distinguere tra nord e sud… perché già nei commenti non scritti in ‘standard’ ci sono le X, le finali in -i e in -us… in pratica, le tre cazzate che distinguono il sardo settentrionale da quello meridionale. Chiedo solo l’appertura della LSC di adottare queste puccole cose… e tutti felici…

  2. non cherjo fachere su furbu :), bi diat mancare…
    Chi sa LSC diat deper adottare fintzas custas tres cosicheddas soe de acordu.
    Est custu chi no cumprendo:
    “Avremo un sacco di testi laddove la gente inserisce le paragogiche e altre cose di ‘bidda’ e comunque alla fine ci ritroviamo sempre a poter distinguere tra nord e sud”
    Si cada unu ponet ateras cosas de bidda sua (deo apo bocau su pipistrello, ma podìo pònnere calesisiat cosa chi no esseret istada petzi una paragula ma fintzas unu modu de narrere o sa coniugatzione de unu verbu), e su chi diferentziat su sardu “settentrionale” dae su “meridionale” sunt petzi tres catzadeddas, coment’est chi s’arribat a faveddare de sardu settentrionale e meridionale?

    • Mahhh.. no seus chistionendi de cumenti sa genti chistionat… seus chistionendi de sa scridura. Insandus po mei est sintzillu meda. Si depint bogai is sonus chi no torrant in sa grafia. Arregulas craras po totus. Niente paragogica, niente metàtesi, niente colpo di glottide, niente aspirazioni ecc. e arriaviamo già ad uno standard più o meno comprensibile per tutti. Il problema ora è che la gran parte di persone non conosce neanche queste regole basilari per scrivere in sardo e scrivono come cavolo vogliono. Ciò che dico io è che se ignoriamo queste quando la gente scrive, rimane comunque una base molto chiara… le finali in -i, le x ecc… voglio dire… anche se uno non sa scrivere in sardo, dopo uno sguardo è chiaro se è del nord o del sud perché le caratteristiche rimangono. È così. .. ma non prendiamoci per il culo… se uno scrive: ‘sor pitzinnos errent’ lo so che non è di Villaspeciosa e se uno scrive:’is caisi ollint acua’ è chiaro che non e di Noragogume. Cumprendiu?

  3. eh ja apo cumpresu, antzis ja l’isco…craru chi si unu iscriet in su dialetu suo cumprendo chi no est de Noragugume si narat “is caisi ollint acua”…e duncas? “is” e “sos” sunt petzi articulos, duas paraguleddas chi cherent narrere sa matessi cosa, e tando partzimus sa Sardigna in duos pro un articulu? e totu su restu? s’ipotetica làcana geografica de sa “x” est sa matessi de su “is” sicundu ‘e tene?
    e si cherimus arribare a un’iscritura unica, proite colpo di glottide no e su sonu de sa “x” eja?

    • Ha risposto Nanny… più o meno… ma torno. No. No depeus partziri su sardu in duus o cincu po is diversidadis chi nci funt… e certu chi s’ isoglossa de is no est iguali iguali a cudda de sa x… perou si podit biri ca in sa LSC ant casi scioberau cosa de susu. Est diaici… e insandus tocat a dda mellorai sa scridura fintzas candu andat beni puru a is sardus meridionalis… imoi no est duaici. Po ita sa X e no su corpus de glotidi? Poita dda X dda teneus in is nominis de genti e logus. Fait gai parti de su sistema de scridura de nosaterus. Deu po esempiu bollu puru sa J in s’ inghitzu de is fueddus… dd’ant bogau puru… deu dda impreu puru mancai no fait meda parti de su basciu… scriu jogu, jossu, jassu… sceti poita mi praxit e pensu ca siat de importu mantenni custa cosa 🙂 nemus at mai nau ca su sardu tenit duas linguas e nemus ddu bolit partziri… ma iat a essi prus democraticu.

  4. Poita sardus de cabu de giossu ant giai arrinuntziau a scriri unu grafema chi arrepresentat sa “n” intra de vocalis chi pronuntziaus a carighedda!
    Poita sardus de cabu de giossu ant giai arrinuntziau a scriri cun sa “b” o cun sa”r” arraspada sa lìtera “l”, es. non “sobi” o “soghi” o àteru ma scrieus “soli” perdendi una caraterìstica cosa nosta!
    Poita sardus de cabu de giossu ant giai arrinuntziau a scriri “taba”, “teba”, “cabi” po scriri “tàula”, “tèula”, “càuli”
    Poita sardus de cabu de giossu ant giai arrinuntziau a scriri “sattu”, “pottabi” po scriri “sartu”, “portali”
    Poita sardus de cabu de giossu ant giai arrinuntziau a scriri “banau”, “panuu” po scriri “beranu”, “perunu”
    E àteras cosas meda!
    Est normali ca totus is fueddadas depint perdi (in scritura) calincuna cosa, s’importanti chi siat in su tanti giustu po totus!
    🙂

  5. e comente lu medimus su tantu chi perdit cada faveddada? 🙂
    mì chi fintzas deo chi so nugoresu nde depo ingurtire de cosas, no es petzi una x o comente finit unu verbu..e gai totu cantas sas biddas.
    pro es.: muntonargiu. In medas biddas de josso si narat “muntronaxu”. E tocat a sacrifcare custa x, anda bene. B’at zente chi in “settentrione” narant “muntonarju, muntonarzu, muntonagliu”. Mi paret chi custos puru nde perdent de literas o sonos. Sende chi si depet lòmpere a una grafia unica, sicundu ‘e bois est gai importante meda custa x?

    • Non so… forse non hai visto come si chiama questo blog??? 🙂 perché si dovrebbe rinunciare ad un grafema che si usa da Teulada a Simaxis e da Villasimius a Villagrande? Vogliamo essere democratici? Allora dovremo fare scelte democratiche. Io sono di Villaputzu. E candu scriu cani, no torrat a su fueddu de bidda ca in su sarrabus est ca?i (colpo di glottide) e a San Vito dicono mera, ma scrivono meda… ciò che voi non capite è rinunciamo già ad un sacco di cose ognuno di bidda per scrivere il sardo meridionale ‘standard’… la LSC è lontanissima dalle nostre parlate… il problema è non conoscete il sardo meridionale. Vabehh. Volendosi informare, la grammatica Arregulas si trova come pdf. In internet.

  6. vedi che generalizzi…voi chi? chi siamo noi? sono un settentrionale io? chi ti dice che non conosco altri dialetti fuori dal mio. Non sto mica parlando a nome dei settentrionali. Anch’io son di Nùoro, faccio 10 km e a Oliena cambiano gia molte cose, e a Orgosolo iniziano i colpi di glottide e se i Lulesi e i Bittesi dovessero scrivere come parlano sarebbe diverso ancora. Io stesso non ho scritto come realmente pronuncio quello che ho scritto.
    Is Arregulas mi ddas lìgio cun praxeri! 🙂

    • Sinceramente. L’ho scritto un bel paio volte… cerca un articolo che si chiama ‘la verità sulla LSC’. Nelle parlate meridionali sarde ci sono cose molto marcanti per noi… e pochi di queste sono state prese in considerazione scegliendo lo standard. Chi dice che non sia vero o non conosce la LSC o non conosce il sardo meridionale. Semplice 😉

  7. Pisci no est pixi (lat. pix,-ice)
    Pasci no est paxi (lat. pax, -acis)
    Coscinu no est coxinu…
    Anca fait eus giai arrinuntziau de dda manigiai:
    tui etotu, Bobore, pigas a esempru “muntrunaxu” e prova a ddu pensai nasalizzau comenti faint in parti manna de su “campidanesu”!
    totu un’àteru sonu de “muntonàrgiu” chi scrieus (ma aici scrieus!),
    naraus “axroba” ma scrieus “argiola”,
    naraus “oxru” ma scrieus “òrgiu”
    nci ndi passat berus?
    Duncas comenti biis mancai siaus afetzionaus a sa “x” (est identitàriu meda meda po nosu!!!!) in una surra de fueddus po circai de si atòbiai apari in sa matessi scridura, passièntzia (po nosu!) non dda scrieus!
    E atentu ca:
    pische, pighe, pàschere, paghe, coghino (totu un’àtera cosa!) chi sa L.S.C. ponnit in contu comenti a scridura, nosu non s’agataus po nudda! Est craru!
    E tenint àsiu narendi de ddu ligi a sa manera nosta!
    Sa fonètica nci intrat finas a unu certu puntu!!!!!
    Aici est a collionai sa genti! Est a fai andai in antis una variedadi e a ndi fai morri àteras 10!
    Poita seus avesus a biri scritus in cussas maneras is nòminis de biddas, de logu, sangunaus, documentus bècius, traditzioni literària e sighendi e unu si ndi scidat e mi narat “Si ghetat sa grida! Po òrdini de sa LSC: movendi de oi e po totu su benidori totu is fueddus scritus cun sa “x” non fait a ddus scriri prus aici!”
    Cussu pagu de sardu chi unu est istètiu capassu de scriri est bellu che mortu!
    E torraus acoa!
    E naru deu: seus in su lussu de fai custa manobra?
    No! A innoxi de si “dealfabetizai de s’italianu” (comenti narat Bolognesi!) e a torrai a alfabetizai in sardu (a sa manera chi bolit sa LSC, e finas etotu Bolognesi) sa lìngua sarda dd’agataus morta e interrada e fata a cinisu!!!!!!
    E non poita seus tontus… naraus-sì sa beridadi: unu piciocheddu chi bessit de scola ma ndi sciit de ingresu?
    Pagu e nudda! Custa est sa realidadi!
    E cantu tempus nci bolit a nosu po fai totu custu?
    Si cumbenit?
    A onniunu de nosu s’esàmini de cuscièntzia!

  8. De nos dealfabetizare dae s’italianu, o a su nessi de nos alfabetizare in sardu soe de acordu. Ca non l’amus mai fattu! Est pro custu chi nos brigamus!
    Sa limba a die de oje, pro mene, est giai fata a chisina…tando est menzus de si picare su tempus chi bi cheret. Serbit una limba comuna, comente la tenet totu su mundu. Una grafia comuna a totu sas variantes pesso chi siet impossibile, ca sunt medas e medas sas diferentzias, e non es petzi sa x…ca si tue naras “axroba” e deo “arjola” non bido inube nos podimus atobiare graficamente…e fintzas deo cussa j no la poto iscriere chin sa LSC de como. Certu chi bi cheret un isforzu mannu a lèghere axroba su chi iscritu est argiola.
    Semus gherrande cadaunu pro no perdere s’identidade sua, cando sos pitzinnos essint dae iscola e no ischint s’inglesu ma mancu su sardu! e duncas mancu su dialettu suo. Però gherramus innantis de ischire sas cosas…
    Si cumintzamus cun esempios fachimus a gara, e no l’acabamus mai! e no serbit a nudda…
    Su chi no mi piachet est chi faveddaes de “nosu e bosaterus”…e ti lu pedo a tie puru: chie sezis bois e chie semus nois?

    • Po mei su ‘bosaterus’ est sa genti chi no bolit cumprendi ca sa LSC po is sardus meridionalis no andat beni… e chi torrant a nai semperi su matessi.

      No est su matessi. ‘Nosaterus’, sa genti ca bolit cambiai sa LSC, tenit diaderus dificurdadis de dda imperai. Ant scioberau casi totu su chi po nosi est ‘sardu cabusuesu’.

      Podit essi ca po is cabusuesus est sa propria cosa… insandus si depit cambiai calincunacosa puru chi fatzat sa LSC prus autentica po sa genti de su susu. Deu no apu cumprendiu fintzas imoi aundi iat a essi su problema a tenni paghe e paxi… cumenti apu nau in aterus logus… in tedescu scrieus Foto e Photo, giuste entrambi.
      Poita depit essi amarolla totu paramighe? Seus ominis… teneus unu cerbeddu o no?
      Totus no tenint perunu problema cun su catalanu de Alighera… no funt sardus issus? Partzidoris funt? No… insandus… ???

      • Si cherimus mezorare sa LSC semus cumpanzos, si faveddas de cabesusu ses partzinde…o no?
        Sos aligheresos…semus faveddande de limbas o de populos?

  9. Deu seu unu sardu chi fueddat (e scriit!) su sardu diferenti de su tuu
    e tui ses unu sardu chi chistionat (e scriit) unu sardu diferenti de su miu.
    Nudda de prus!
    🙂

  10. Insaras ti torru sceda:
    Nosu (deu e àterus meda de custus logus) seus sardus chi fueddant (e scriint) su sardu diferenti de su de bosàterus (tui e àterus).
    Bosàterus (tui e àterus meda de cussus logus) seis sardus chi chistionant (e scriint) su sardu diferenti de nosu (deu e àterus).
    Bastanti craru!
    E nudda de prus!
    🙂

  11. eja oh nanny….e duncas ses partzinde e generalizande! “tui e aterus de cussus logus”..paret chi benzat dae un’ateru praneta! e sichis a non mi rispondere…cale diant essere “custus” e “cussus” logus? proite generalizas? 🙂

  12. Deo iscrìo e faveddo su sardu diferente dae totus! Dae Ishtintin a Crabonaxa, dae Aristanis a Baunei, Dae Olbia a Sant’Anna Arresi e fintzas dae 10 km dae bidda mea! in “cussu logus” faveddaes e iscrieis a sa matessi manera?

  13. Candu ti narant
    “Nudda de prus” nci at a ai un’arraxoni!
    Ma a cantu parrit ti praxit a poni in buca “fueddus” chi unu no at nau e a traballai in conca tua cuncetus chi s’àteru no at afateriau…
    passièntzia…

  14. “Nosu (deu e àterus meda de custus logus) seus sardus chi fueddant (e scriint) su sardu diferenti de su de bosàterus (tui e àterus).
    Bosàterus (tui e àterus meda de cussus logus) seis sardus chi chistionant (e scriint) su sardu diferenti de nosu (deu e àterus).”…ti l’apo postu in buca deo?…boh 😀

    tocca..bae, bae!

  15. E nosu dringhilli!!!
    A biis ca no as cumprèndiu!
    Deu non ndi arribu de unu àteru praneta! 🙂
    Tui ses òmini? Fais parti de s’arratza umana? Fais parti de sa Terra?
    Tui m’as a nai eja…
    oh, ma càstia comenti a mimmi!
    ma su DNA cosa tua no est ugualis po nudda a su miu…
    -“Mancu mali!” as a nai tui.. e deu 🙂
    duncas totu is pibincas chi tui mi naras de sa lìngua sarda ddas as ghetadas giustu po intzullai e non serbint a nudda, casi ca (ddu sciit su molenti puru) forma de anca càstias biis a manera diferenti!
    🙂
    Toca! Bai, bai!
    🙂

  16. oja…paret chi benzat da un’ateru praneta: sembra che venga da un altro pianeta, io! non tu 🙂
    ca mi ses nande “bois de cussus logus” comente chi esseremus un ateru locu, praneta, mundu, o su chi cheres…como ses faveddande de DNA puru! ti nde rendes contu? 🙂
    e tando deo ti pregunto (torra!) ita bolit nai “cussus logus”? ite cheres narrere? ci dda fais? …o fortzis ses timende a rispondere 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...