Home » Uncategorized » SCIDADA!

SCIDADA!

Ahhh, si sono svegliati i nostri amici della LSC, Limba Sarda Corraine, Corongiu, Canu, Carboni… ehhh addirittura hanno scritto tutti quattro degli articoli in salimbasarda.net Bella scidada!

Interessante che si sentono persino aggrediti quando dici che vuoi sperimentare la LSC.

Su timori de sa democratzia tenint? Eja, abbiamo fondato un Comitato che si chiama: “Bilinguismu democràticu”

http://www.vitobiolchini.it/2014/04/18/nasce-il-comitato-bilinguismu-democraticu-basta-divisioni-sulla-lingua-sarda-un-anno-di-tempo-e-troviamo-una-sintesi/#comment-45405

sicumenti issus no funt democràticus, craru… che furbo che è Carboni quando scrive:

“Cando si at su bisonzu de ponnere a facca de calesisiat concettu sa peraula democraticu cheret narrer chi bat carchi cosa chi no andat. Si sunt pro subilinguismu democraticu cheret narrer chi pro issos sos ateros chi no la pensan comente a issos praticant unu bilinguismu no democraticu.” 

Imbecis imoi inghitzant a nai ca si podit mellorai, ca sa democratzia est un atera… sciadaus… ominis candu lompint a s’edadi de mesu vida, diventano un pochino ottusi…

Ovviamente il problema nasce quando vuoi sperimentare la LSC come lo dice la delibera, il documento LSC… e non come lo dicono loro…

Mi fa ridere che secondo loro, loro stanno “sperimentando” la LSC

Anzelu Canu:

“Su comintzu paret bonu, ca narant deretu chi sa punna de su Comitadu est a “aprire una stagione di confronto senza pregiudizi su tutte le posizioni in campo, per provare ad arrivare nel giro di un anno ad una sintesi che poi dovrebbe essere sperimentata nei successivi cinque”.“Bonu”, mi naro. “Est a sighire su traballu chi semus faghende…”

Ma non dovrebbe essere Angiulu Canu? mhhh… fizu-figiu, menzus-mengius, miza- migia … 🙂

… il problema è che non hanno capito cosa significa “sperimentare”.

NON s’ignifica IMPORRE la grafia a tutti, ma significa migliorarla, quando i parlanti non sono soddisfatti e successivamente cambiare la proposta di standard e la delibera.

Tipo, se un gruppo di persone dice che non vuole che si tolga il grafema -X-, si dovrebbe inserire nella grafia. Facile.

Invece chi propone miglioramenti è un nemico, talebanu, orientalista, malato, pazzo, partzidore… ehh… di tutti colori ce ne hanno detto, cancellati dai gruppi, dalla mente, fuori dalle palle.

MA SIAMO ANCORA QUI!

Seguendo la LSC veramente, Corraine non potrebbe più standardizzare il lessico e non ci potrebbero fare niente contro la meridionalizzazione della norma. Cosa che ovviamente vogliono evitare, visto che a loro sta bene così, visto che secondo loro il sardo puro e vero è quello settentrionale, ovviamente.

Anzelo Canu intanto nega l’esistenza del sardo settentrionale e meridionale scrivendo:

Sigo a lèghere e bido chi faeddant de manera democràtica de detzìdere, ca sunt in favore de s’amparu de sas variantes logudoresas e campidanesas. E deretu penso: “e su baroniesu/nugoresu, su ogiastrinu, su sarrabusesu e gai a sighire, ite sunt, burdos?” Sa cosa est impeorende…”

MAAAAHHHH DAI! Lo sappiamo tutti che le parole “logudorese” e “campidanese” sono diventati sinonimi di “sardo settentrionale” e “sardo meridionale”…  certamente ci ritroviamo in un continuum linguistico, così come in Italia… mi vogliono negare anche lèsistenza dell’italiano settentrionale, centrale, meridionale?

Insandus, acabaus de fai custus giogus scimprus e a fai sa bisera a sa genti! E ti potzu nai deu ca casi donnia personi chi apu connotu de su Sarrabus scrit cumenti seu scriendi deu imoi… sardu meridionali standard… cumenti si podit biri in sa trumixedda “scrieus su campidanesu” e in “bilinguismu oi” in Facebook e in Academia Onlus e funt prus de milli personis… insadus pigai po culu a casinu.

Ecco e vediamo quali altri problemi ha Canu: ha un problema con la frase: “Il sardo deve nascere dal basso”. Cosa intendiamo quando diciamo queste cose? Intendiamo di “sperimentare” la LSC e altri standard veramente.

Cosa mi volete raccontare che se andassimo a Villaspeciosa e chiedessimo:

Volete la grafia che si usa in:

http://salimbasarda.net/

oppure il sardo che usano qui:

http://www.bilinguismuimparis.net/

Quale sarebbe la risposta? Ajò…

Quello significa “dal basso”: coinvolgere i vari comuni?

Diranno: Perou… e insandus bolis partziri su sardu in duus?

Ok. Allora miglioramo la LSC e la apriamo, visto che così com’è non va bene per i sardi meridionali…. Ahhh… no imoi est inghitzendi Corongiu a nai ca si podit mellorai… ca no siat perfeta??? IMOI! Apustis de seti annus… e narat un atera faula puru: “È l’unico standard che abbiamo”. No est berus. Intanto nega anche l’esistenza delle proposte di Bolognesi.

Ahhh, dimenticavo…ho letto che hanno fatto già dei test  e analisi sulla sperimentazione della LSC? Come mai che gli insegnanti nei gruppi FILS non ne sanno niente? Scusate, ma come primi avrei chiesto loro… o no?

Ma ai comuni che hanno fatto la spaccata “sperimentando” la LSC e forse hanno anche preso soldi… ? Lo sappiamo noi? Forse coloro che sono stati chiesti erano sardi del nord che vivono nel sud. Che ne sappiamo???

Io non ci voglio e non ci posso credere che qualcuno a San Sperate possa essere felice con la LSC, così com’è adesso. Certamente, se gli fai credere che è l’unica cosa che esiste e che lo dice la Regione e che ricevono fondi se la usano…

Sintzillu megai a su chi bolint provai issus… chi sa LSC andat beni in donnia logu. Faula manna… cumenti scieus. Donnia personi chi connoscit su sardu de basciu ddu scit…

donnia sardu meridionali chi ligit su sardu chi imperant in Limba 2.0 bosi at a nai chi est sardu settenrtionale, ovvero: Logudoresu!

Per ciò… le bugie, le dicono loro, sono ottusi, non democratici, bloccano la vera Lingua Sarda Comune, che si sarebbe già sviluppata da anni, invece loro con questo creano solo casini e poi dicono che siamo noi. Minca, ci bolis bogai sa lingua scrita chi teneus, nimancu lompi a dda meridionaslisai unu pagu sa LSC e e apustis ti spantas… bho…???

In più vorrei sottolineare che nel blog di Vito sono stata aggredita io e mi stavo semplicemente difendendo, e sono sicura che era uno di loro usando un nick… come fanno loro… stile inconfondibile.

 

 

 

Advertisements

11 thoughts on “SCIDADA!

  1. Ariseru/Derisero apu/apo iscritu dus fueddus/duos faeddos po fai/pro faghere unu esperimentu apitzus/subra de sa limba sarda.
    Deu/Deo no’ seu/so unu linguista ma unu sardu chi bollu/cherzo esperimentare sa LSC, imparis cun totus is/sos atrus/ateros sardus/sardos.
    No’ seu/so interessau/interessadu si is atrus/sos ateros cuncordant o no’ cuncordant cun custa manera de fai/de faghere s’esperimentu.
    Depeus/devimus iscriri/iscriere e osservai/osservare is atrus/sos ateros iscriendi/iscriende e apustis/deboi depeus/devimus scerai/iscoglire su chi si praxit/piaghet de sa moda de iscriri/de iscriere de totus is atrus/sos ateros participantes/partitzipantes.
    TORRU a DDU NAI/ TORRO A LU NARRERE
    No’ SEU/SO unu LINGUISTA ma unu sardu calesisiat.
    ———————————————
    Apu/apo ligiu/legidu paricios/paritzos interventus/interventos e cuncordu con …..lo dico in ITALIANO adesso per non essere troppo lungo:
    (1) – mi piacerebbe che ognuno potesse sperimentare la LSC, senza limite alcuno ma solo con l’intento di arrivare ad uno standard condiviso da tutti i sardi.
    (2) – sperimentare non significa IMPORRE una GRAFIA rigida e immutabile a tutti, ma la grafia deve adeguarsi agli scriventi più che ai parlanti, quando non soddisfatti, migliorando lo STANDARD scelto e cioè facendo le modifiche che servono.
    (3) – se le persone vogliono i grafemi X, K, J, TZ e altri per scrivere in sardo, non è meglio includere piuttosto che escludere?
    (4) – son nato “sardo settentrionale” e son diventato “sardo meridionale” ma non ho problemi se, con l’apporto di tutti, scrivendo giorno dopo giorno, arriviamo con uno “ISCUTULAIDEAS” = “BRAINSTORMING” a trovare un metodo inclusivo, non uno che esclude chi non pensa come NOI …non abbiamo bisogno di avere NEMICI IN CASA SARDA …anche
    perché fuori ce ne sono già troppi.
    ne miglioramenti è un nemico,
    IL SARDO, partendo dall’esperimento LSC deve trovare la sua maturità sul campo, che derivi da una condivisione generale.
    ——————————————————————

    • Saludi Lucia.
      Deu in custu blog scriu in italianu e sardu. Sa primu lingua mia est su tedescu e seu nascia e crescia in Germania. Mamai mia est sarda, babu tedescu. Issa mi at pesau chistionendi s’ italianu cun mei e mi praxit scriri in italianu puru… bollu puru mellorai s’ italianu miu… su sardu ddu apu imparau de manna e ddu seu ancora imparendi e a bellu a bellu apu fortzis a scriri cosa prus largu in sardu puru. Ancora no potzu scriri totu in sardu cumenti nimancu in italianu. Essi po su sardu, no bolit nai bogai s’ italianu… deu chistionu e scriu puru s’ ingresu e su spanniolu… po mei funt totu linguas cun sa matessi dinnidadi. Candu mi andat beni insandus scriu in sardu e candu no… scriu in italianu… 😉

    • Lucia… dite ‘andara’.
      Iniziamo con la -r-. Un fenomeno linguistico che si chiama rotacismo. La -t- scritta, da voi si trasforma in una -r- invece in altri paesi troviamo il fenomeno della lenizione e pronunciano ‘andada’.
      La vocale aggiunta alla fine della parola, la chiamiamo ‘vocale paragogica’. Un altro fenomeno del sardo parlato.
      Invece, conoscendo il latino e altre lingue romanze e avendo letteratura scritta in sardo, sappiamo che la parola si dovrebbe scrivere ‘andat’…
      Ti consiglio di leggerti una grammatica del sardo e forse capirai meglio.
      Buona giornata.

      • Io non insisterei tanto sul principio etimologico dell’ortografia, perché poi bisogna spiegare anche perché non lo si applica fino in fondo. Logica vorrebbe che una neoortografia fosse coerente. Ma le ortografie storiche non sono coerenti. Questa però non è ancora un’ortografia storica. E allora bisogna vedere quando conviene e quando no appellarsi al principio etimologico. Altrimenti prendiamo l’ortografia dei falsi di Arborea e buona notte.

  2. Ma ti dda potzo pregontare una cosa? Sinceru Sinceru.. Ma po ita seis semper certende? Teneis s’italianu bosàteros no?! Sigheis a chistionare cussu, ca su sardu est legiu e totu diferente, in cada bidda e logu.. Beciamine est..

    • Poita seu semperi certendi? Mi bolint bogai sa scridura, poita dexi ominis barrosus mi funt seghendi is patatas boghendi is grafemas de sa grafia sarda… ! Po cussu. Candu no nci est giustissia, no nci podit essi armonia! Nemus innoi at scritu chi su sardu siat legiu. Fortzis tenis unu pagu de tzidicame is ogus … gei ses a frori… bho! Deu sigu a scriri donnia lingua ca mi praxit!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...