Home » Uncategorized » Un altra perla di Sardu Porcheddinu

Un altra perla di Sardu Porcheddinu

images (1)

Sapete perché ho bisticciato con Giuseppe Corongiu un paio di anni fa? Avevo trovato un testo, pubblicato dall’Ufitziu de sa Limba, che non mi piaceva… anzi, lo ritenevo italiano con -tz- e -u finali.

La mia critica era simile a quella fatta da Emilia Calaresu.

Ma Giuseppe Corongiu mi ha detto che stavo esagerando e che ero troppo purista… allora… come al solito, vi dico che non dovete credere a me, ma ai vostri occhi e alla vostra intelligenza.

Oggi, ho di nuovo trovato una di queste “perle” linguistiche in un gruppo su Facebook… pubblicata da Sarvadore Serra Nieddu.

In questo caso non voglio neanche criticare la LSC, visto che uno che conosce il sardo può anche usarla … volendo.

Critico il modo in cui viene applicata e come testi italiani vengano tradotti in “sardo” che per me è un sardo porcheddinu… in più il sardo non è la mia lingua materna… ma se lo vedo io, immagino i sardi che conoscono il sardo.

Questi testi sono i simboli per la semplice ignoranza delle persone che li scrivono… e non mi lamento del fatto che si creino neologismi, ma del fatto che parole che in sardo esistono o “potrebbero” esistere, vengano italianizzate… o tradotte male.

io non sono una purista, ma ajò… è irragionevole… non è sardo… chi non lo vede, non conosce il sardo… e non sa che le parole esistono in sardo! Abbiamo 10000 ditzionari… ma prendetene uno in mano e abbiate un pochino di rispetto per la nostra lingua…

po prexeri!

…………………………………………………………………………………………………….

COMUNICADU ISTAMPA

Su Servìtziu Limba Sarda de s’Assessoradu a s’Istrutzione Pùblica de sa Regione Autònoma de Sardigna cun s’Isportellu Linguìsticu Regionale pro sa limba sarda e catalana, organizat in Tàtari tres addòbios chi, gràtzias a sa collaboratzione cun su Ministèriu pro sos benes e sas atividades culturales, s’ant a fàghere in su Museu Natzionale “A. Sanna” de Tàtari.

“Limba e Libros in su Museu Sanna” est su tìtulu de sa manifestatzione chi previdet diferentes apuntamentos pro valorizare sa limba sarda e sas variedades alloglotas de sa Sardigna chi si còllocant in una rete importante de initziativas chi su Servìtziu promovet dae medas annos.

Su primu apuntamentu est giòbia 20 de martzu in sa sala de sas cunferèntzias de su Museu Natzionale “A. Sanna” in carrera de Roma n.64 a sas 17,30 cun sa presentada de s’ùrtimu libru de Pàulu Pisu “Gli ultimi pastori sardi? Storie, testimonianze, prospettive”, editziones Cuec.

A pustis de sos saludos de Gabriella Gasperetti, diretora de su Museu, at a moderare su dibàtidu Juvanna Tuffu de s’Ufìtziu regionale de sa limba sarda.

Sunt prevìdidos sos interventos de s’iscritore Pàulu Pillonca e de Batista Cualbu, Presidente regionale de sa Coldiretti. A sa manifestatzione at a èssere presente s’autore de su libru Pàulu Pisu. Durante s’initziativa at a dare sa testimonia sua carchi pastore de su territòriu e s’at a esibire su coro a tenore “Su cunsonu tiesinu”. Su libru regollet medas intervistas a pastores e a massajos de Làconi e analizat unu de sos aspetos culturalmente e economicamente prus problemàticos de s’ìsula.

Sa crisi generalizada, e cussa de sa campagna in particulare, imponet una riflessione chi est in su matessi tempus polìtica, sotziale e morale. S’autore, sìndigu de Làconi, est istadu unu de sos fundadores de su “Comitadu pro sa limba e sa cultura de sos sardos” e promovidore de sa “Marcia sarda per la pace”. Sas àteras publicatziones suas sunt: Partito Comunista di Sardegna. Storia di un sogno interrotto (1996) e Figli della Società. Carcere, devianza e conflitto sociale (2008).

Sos apuntamentos imbenientes de sa manifestatzione “Limba e libros in su Museu Sanna”: giòbia 27 de martzu a sas 17.30 “Les mies mans” libru de poesias de Antoni Canu, editziones Nemapress e giòbia 3 de abrile a sas 17.30 “Istòria de unu cau Marinu” tradutzione in sardu de su libru de Luis Sepulveda “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, editziones Papiros.

Advertisements

9 thoughts on “Un altra perla di Sardu Porcheddinu

  1. Premessa:
    intervento in amicizia.
    Testo:
    Alexandra, invece di prendertela con chi stà cercando, in tutti i modi di far uscire a pitzu su sardu, che lo usa finalmente in tutte le manifestazioni, incontri, dibattiti, televisioni, giornali etc etc, perchè non cerchi da altre parti? Cerca tra quelli che non vogliono il sardo a scuola, università, società casa mare e montagna. Perchè parlare male di quelli chi nos segan sa matta onzi die cun custa limba. Sono questi i nemici? Non credo!

    • Ciao. Io non distinguo tra amici e nemici della lingua sarda. È una scemenza che si è inventato Corongiu. Nessun parlante è un nemico. Se il language shift è già talmente avanzato che i parlanti non lo vogliono più parlare, è inutile cercare di convincerli… ma comunque la revitalizzazione di una lingua, di sicuro non avviene distruggendola, creando parlanti di serie a e b come fanno loro e scimmiotando la lingua italiana perché in questo modo allontanano dal discorso la gente che lo parla e scrive ancora veramente. La gente che potrebbe essere utile per revitalizzazare il sardo. Questo testo è una vergogna. Non è sardo per niente, anzi, dimostra la dipendenza linguistica dell’italiano. Sinceramente… a questo punto sono a favore di lasciar morire la lingua dei nostri antenati con dignità, invece divtrasformarlo in un pseudo italiano. Proprio così danno ragione a coloro che dicono che in sardo non si possono fare certi discorsi. Proprio così danno ragione alka gente che dice che in sardo non si possono fare discorsi ‘astratti’ e proprio così dimostrano che il sardo secondo qualcuno è una lingua ‘povera’, se ogni seconda parola si basa su una parola italiana… quando noi le parole in sardo le abbiamo. Noi abbiamo una lingua… questo testo ci dice il contrario ed è infondo molto più pericoloso di ogni professorino che nega il sardo. Certo… secondo te, dovrei fare degli applausi a gente che crea un creolo? Secondo te dovrei fare applausi a gente che cerca di invadere con questo sardo porcellino i luoghi in cui il sardo esiste ancora? Secondo te, mi sono messa a studiare dieci anni parole in sardo, come atobiu, agatai, prenda, arretza, faina, imprenta, sceda… per leggere: stampa, collocare, appuntamentu, rete, benes, iniziativas, comunicatu… ecc… e custu scritu est prenu de cosa diaici. Ma ses brullendi? Nimigus funt issus chi bocint su sardu de aintru.

  2. Concoro. Non é una questione di amici o nemici. Se uno scrive in sardo o lo conosce o é meglio che scriva in italiano perchè chi scrive testi di questo tipo non fa certo una grande servizio alla lingua sarda! E non fa un grande servizio alla lingua sarda neppure chi, avendo il potere ed i soldi, in mano fa l’aparteid decidendo chi sono gli amici e chi sono i nemici. Meno male che molti tra noi parlanti sardo ce ne freghiamo di Corongiu e cerchiamo di fare ciò che abbiamo sempre fatto ma con una dificoltà in più legato all’ Ufficio Regionale della Lingua Sarda!

  3. Martino, le critiche devono essere, se non altro, ascoltate e discusse. La logica che “chi fa non va disturbato” e’ tipica di chi detiene (un minimo di) potere, ma non ha competenze. In tutte le discipline esistono critiche e dibattiti, senza i quali si rimane fossilizzati sulle stesse posizioni ideologiche ad infinitum…

  4. Po ddis “ammustai una crai”, perou, custu “pregoni de imprenta” (o no sciu cumenti mellus dd’hiast a bolli tzerriai) dd’hiast a deppi furria tui (Alexandra) in lingua sarda cumenti si prettòccada… de manera chi dognunu potzada biri sa diffarentzia…

    • Ciao. No, no ddu depu bortai deu in sardu… custu ddu depit fai sa genti chi conoscit mellus su sardu de mei. Deu ddu apu imparau de manna e facu su matessi meda sballius… anni fa ho fatto la proposta a Pepi che ogni ‘operadore’ che traduce dovrebbe essere affiancato da un anziano… ma per quello forse non ci sono soldi e neanche la volontà… invece li buttano per atobius e gente pseudo linguistas, pranzi, voli, cene… pubblicità fatta male… imbecis de torrai a is arrexinis de sa lingua sarda. Pitica sa bregungia…

  5. Sarà un prodotto del traduttore automatico tanto propagandato. A proposito, qualcuno ne conosce il link? Così ci giochiamo un pò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...