Un altra perla di Sardu Porcheddinu

images (1)

Sapete perché ho bisticciato con Giuseppe Corongiu un paio di anni fa? Avevo trovato un testo, pubblicato dall’Ufitziu de sa Limba, che non mi piaceva… anzi, lo ritenevo italiano con -tz- e -u finali.

La mia critica era simile a quella fatta da Emilia Calaresu.

Ma Giuseppe Corongiu mi ha detto che stavo esagerando e che ero troppo purista… allora… come al solito, vi dico che non dovete credere a me, ma ai vostri occhi e alla vostra intelligenza.

Oggi, ho di nuovo trovato una di queste “perle” linguistiche in un gruppo su Facebook… pubblicata da Sarvadore Serra Nieddu.

In questo caso non voglio neanche criticare la LSC, visto che uno che conosce il sardo può anche usarla … volendo.

Critico il modo in cui viene applicata e come testi italiani vengano tradotti in “sardo” che per me è un sardo porcheddinu… in più il sardo non è la mia lingua materna… ma se lo vedo io, immagino i sardi che conoscono il sardo.

Questi testi sono i simboli per la semplice ignoranza delle persone che li scrivono… e non mi lamento del fatto che si creino neologismi, ma del fatto che parole che in sardo esistono o “potrebbero” esistere, vengano italianizzate… o tradotte male.

io non sono una purista, ma ajò… è irragionevole… non è sardo… chi non lo vede, non conosce il sardo… e non sa che le parole esistono in sardo! Abbiamo 10000 ditzionari… ma prendetene uno in mano e abbiate un pochino di rispetto per la nostra lingua…

po prexeri!

…………………………………………………………………………………………………….

COMUNICADU ISTAMPA

Su Servìtziu Limba Sarda de s’Assessoradu a s’Istrutzione Pùblica de sa Regione Autònoma de Sardigna cun s’Isportellu Linguìsticu Regionale pro sa limba sarda e catalana, organizat in Tàtari tres addòbios chi, gràtzias a sa collaboratzione cun su Ministèriu pro sos benes e sas atividades culturales, s’ant a fàghere in su Museu Natzionale “A. Sanna” de Tàtari.

“Limba e Libros in su Museu Sanna” est su tìtulu de sa manifestatzione chi previdet diferentes apuntamentos pro valorizare sa limba sarda e sas variedades alloglotas de sa Sardigna chi si còllocant in una rete importante de initziativas chi su Servìtziu promovet dae medas annos.

Su primu apuntamentu est giòbia 20 de martzu in sa sala de sas cunferèntzias de su Museu Natzionale “A. Sanna” in carrera de Roma n.64 a sas 17,30 cun sa presentada de s’ùrtimu libru de Pàulu Pisu “Gli ultimi pastori sardi? Storie, testimonianze, prospettive”, editziones Cuec.

A pustis de sos saludos de Gabriella Gasperetti, diretora de su Museu, at a moderare su dibàtidu Juvanna Tuffu de s’Ufìtziu regionale de sa limba sarda.

Sunt prevìdidos sos interventos de s’iscritore Pàulu Pillonca e de Batista Cualbu, Presidente regionale de sa Coldiretti. A sa manifestatzione at a èssere presente s’autore de su libru Pàulu Pisu. Durante s’initziativa at a dare sa testimonia sua carchi pastore de su territòriu e s’at a esibire su coro a tenore “Su cunsonu tiesinu”. Su libru regollet medas intervistas a pastores e a massajos de Làconi e analizat unu de sos aspetos culturalmente e economicamente prus problemàticos de s’ìsula.

Sa crisi generalizada, e cussa de sa campagna in particulare, imponet una riflessione chi est in su matessi tempus polìtica, sotziale e morale. S’autore, sìndigu de Làconi, est istadu unu de sos fundadores de su “Comitadu pro sa limba e sa cultura de sos sardos” e promovidore de sa “Marcia sarda per la pace”. Sas àteras publicatziones suas sunt: Partito Comunista di Sardegna. Storia di un sogno interrotto (1996) e Figli della Società. Carcere, devianza e conflitto sociale (2008).

Sos apuntamentos imbenientes de sa manifestatzione “Limba e libros in su Museu Sanna”: giòbia 27 de martzu a sas 17.30 “Les mies mans” libru de poesias de Antoni Canu, editziones Nemapress e giòbia 3 de abrile a sas 17.30 “Istòria de unu cau Marinu” tradutzione in sardu de su libru de Luis Sepulveda “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, editziones Papiros.

Annunci

Sa didàtica de su sardu in sa scola: atòbiu in s’Universidadi de Casteddu su 4 de abrili

Acadèmia de su Sardu

Su 4 de abrili s’at a fai un’atòbiu apitzus de sa didàtica de su sardu in sa scola organizau de su Dipartimentu de Pedagogia, Psicologia, Filosofia de s’Universidadi de Casteddu. S’Acadèmia at a essi presenti. Arregordeu-ssi-ndi: po sighiri a bivi su sardu depit intrai a scola.

Locandina 4 abrili

View original post

Sa mela durci e s’arburi de su pecadu

797px-the_fall_of_man-1616

Su nòmini divinu chi t’ant donau, mi bocit.

Donnia mirada me is ogus tuus, mi bocit.

Su nuscu bellu de sa carèna tua, mi bocit.

Donnia tocada de sa manu tua, mi bocit.

Su carri gevi de su corpus tuu, mi bocit.

Donnia bàsidu de is laras tuas, mi bocit.

Su sonu lenileni de sa boxi tua, mi bocit.

Donnia arretumbu de su coru tuu, mi bocit.

Su sùidu lèbiu de s’ànima tua, mi bocit.

Lassa-mì morri in paxi … amori durci …