Nanni, deu e “Su Cuadorzu”

Apu connotu a Nanni Falconi in su 2001 in s’arretza, in su giassu: „sa-limba“.

In cussus tempus deu emu imparau de pagu su sardu. Su giassu est stètiu una bidea de Prof. Guido Mensching e de is traballadoris suus de s’universidadi de Colonia, po fai connosci e fai cresci su sardu. Candu Nanni Falconi at pubricau su contu suu„Su Cuadorzu“, mi dd’at imbiau cun sa mail, e una versioni in ingresu puru, fata de Gianfranco Unali chi fintzas a oi, no est stètia pubricada.

In su 2005 apu inghitzau a dda furriai in tedescu po mi spassiai unu pagu e po imparai mellus su sardu. In medas partis, sa furriadura in ingresu m’at agiudau, perou sighendi sighendi, apustis chi apu acabau de dda pigai in manus, apu bòfiu abarrai a s’óru de su scritu sardu e tradusi su contu in deretura de su sardu a su tedescu. Sa stòria, m’est pràxia meda de su primu momentu, ca fiat scrita de manera sintzilla, perou contendi cosa meda. Apu inghitzau po pratigai e una dii, apu pensau de dda pubricai diaderus.

Is annus nci funt passaus e de su cuntatu nd’est nàscia un’amigàntzia. Seu stètia medas bortas in monti po agatai a Nanni. Sa prus cosa bella est chi Nanni Falconi est simprementi unu pastori chi no at fatu is scolas artas. Difatis est unu autoimparau de literadura e su sardu est sa primu lìngua sua. Issu at sceti bòfiu scriri e custu dd’at pòtziu fai mellus in sardu chi no in italianu. Candu seu stètia inguni in su 2005, m’at fatu a biri su logu chi dd’at agiudau a scriri „Su Cuadorzu“. Una bidda, fata e lassada, a s’óru de Pattada, aundi est nàsciu issu. In Sardìnnia agataus medas biddas lassadas e bortas medas, sa genti no scit mancu poita no nci bivit prus nemus.

Nanni Falconi at tentu bellas fantasias po pesai custu contu. Pensu chi nci agataus puru calincuna cositedda de „The heart of darkness“ de Joseph Conrad, su lìbruru chi at furriau in sardu de s’ingresu. Sa manera de contai s’assimbillat unu pagu. Is personis in su liburu de Nanni perou funt sardus sardus e a bortas ddus pintat de manera irònica, fintzas tropu. Apu bàfiu lassai custas cosas e fintzas su naturali de sa lìngua sarda, una lìngua crara e dereta. Dd’apu cambiau su titulu ca „Su Cuadorzu“ in tedescu no sonat beni.

Apu lassau is nòminis de sa genti, ddus apu furriaus sceti candu teniat importu po su contu. Perou, depu aciungi ca giai totu is nòminis bolint nai calincuna cositedda. Sa mulleri de Bachis tenit su sangunau De linna, su nimigu suu Fele e su contadori Soro. Torru gràtzias a totu is personis chi m’ant motivau e agiudau a imparai su sardu. Pruschetotu a mamai mia Felicita Porcu, a su profesori miu Thomas Stehl, a Guido Mensching e a totu sa genti chi at scritu in sa lista „sa-limba“. A su Cìrculu Sardu de Berlinu e.V. e craru, a Nanni Falconi etotu. A Manuela Mereu puru e a Markus Fritsche chi m’ant lìgiu sa furriadura, e a Frantziscu Cheratzu de sa domu de scridoris Condaghes.

Po dda serrai, depu nai chi ancora in dii de oi, is sardus tenint meda de sa manera de pensai de is mannus insoru… custu ddu podeus biri in is facis de sa genti, in is arregordus e in is contus chi fortzis contant ancora a is piciocus de Sardìnnia…4789_99131236987_1644937_n

Ciò che Giuseppe Corongiu non dice … e non sa. (IV)

aleandraporcu

Gli ultimi giorni erano di nuovo pieni con commenti sulla lingua sarda. Bene, almeno se ne parla.

Capisco bene la critica alle università sarde. Neanch’io sono un’amica dell’italofilia dell’università di Sassari. Ci sono alcuni docenti lì, che proprio non posso vedere e che sono poco a favore del sardo. Non mi allungo su questo tema.

Ho letto la critica di Mastino qualche giorno fa.

http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2013/11/05/news/e-ora-di-smascherare-i-veri-assassini-della-lingua-dei-sardi-1.8057683

L’ho condivisa in Facebook e sono stata criticata perché infatti alcuni ritengono che lui abbia criticato il libro di Corongiu per prendere più contributi (o una cosa simile).

Io a Mastino non lo conosco di persona e non so quali siano i suoi motivi, ma questo non toglie niente al fatto che il libro di Giuseppe Corongiu è poco scientifico, pieno di accuse e polemiche… e  cazzate.

Volevo parlare di Wagner questa volta, ma i discorsi degli ultimi giorni e gli articoli scritti nell’Unione e nella Nuova Sardegna, hanno più importanza in questo momento.

Stiamo ancora parlando del libro di Giuseppe Corongiu.

Anche se, a quanto pare, ormai, Roberto Bolognesi si è lasciato brevettare la linguistica…

continuo…

Nella scienza, soprattutto nelle scienze umane non esiste bianco e nero… ma esitono varie prospettive e vari modi per avvicinarsi alle tesi e teorie.

Corongiu usa le tesi degli studiosi e li mischia con ciò che ha sentito in bidda e le riduce ad un nucleo. Poi estrappola a piacere dei concetti, solo ed esclusivamente per far pubblicità alla Limba Sarda Comuna.

La LSC è una norma, basata sull’italiano e arricchito con qualche elemento logudorese. È talmente evidente che anche una persona come me (nata e cresciuta fuori) lo vede a prima vista.

Vi suona questa frase? Una frase simile l’ha detta anche Emilia Calaresu (http://www.formaparis.com/blog-formaparis/www.sardegnaeliberta.it/docs/calaresu.pdf) (175), dopo aver analizzato la traduzione di questi due articoli dello statuto speciale (mi sa):

“[versione originale in italiano] [versione in Limba Sarda Comuna]

Articolo 10 Articolo [sic]
10
La Regione, al fine di favorire lo svilup-
po economico dell’Isola, può disporre,
nei limiti della propria competenza tri-
butaria, esenzioni e agevolazioni fiscali
per nuove imprese.
Sa Regione, pro favorèssere su disvi-
lupu econòmicu de s’Isula, podet di-
spònnere, in sos lìmites de sa cum-
petèntzia tributaria sua, esentziones e
giuamentos fiscales pro sas impresas
noas.
Articolo 11 Artìculu 11
La Regione ha facoltà di emettere pre-
stiti interni da essa esclusivamente ga-
rantiti, per provvedere ad investimenti
in opere di carattere permanente, per
una cifra annuale non superiore alle
entrate ordinarie.
Sa Regione tenet facultade de emìte-
re imprestidos internos garantidos dae
issa a manera esclusiva, pro provìdere
a investimentos in òperas de caràtire
permanente, pro una cifra [sic] annua-
le chi non depet essere prus arta de is
intradas ordinàrias.
Anche una semi-speaker come me nota subito che la traduzione in Limba Sarda Comuna è praticamente solo un calco pari pari del testo in italiano. La costruzione grammaticale della frase, cioè la sintassi, è completamente italiana, e anche le scelte lessicali. Non sono stati tradotti i concetti ma le strutture frasali, come se il sardo non avesse più una sua tipicità e diversità anche sintattica rispetto all’italiano. Si rischia il paradosso, con traduzioni di questo tipo, di mostrare piuttosto che il sardo è grammaticalmente morto e chela sua grammatica

coincide ormai completamente con quella dell’italiano. Ma il sardo ha la sua grammatica, coincidente solo in parte con quella di altre li
ngue romanze come l’italiano. Certamente un vero parlante nativo di sardo, che abbia una competenza attiva (e non soprattutto passiva come l’ho io) potrebbe trovare modi migliori per tradurre in sardo questi testi senza perderne il senso originario, ma creando un discorso in sardo e non in italiano sardizzato”

Ecco. La nemica del sardo! Andate a vedere come e cosa riporta Corongiu della critica della Calaresu… (pag.122/ 123):

“Emilia Calaresu, sarda di origine ma in forza a un’univeristà emiliana …”

Già questa frase è brutta…Corongiu ha un modo veramente brutto di scrivere, sempre inserendo quelle schifezze di aggredire le persone in maniera personale. Ahhh, guarda il caso… non critica che Michele Contini fosse in Francia e Roberto Bolognesi in Ollanda?! No, ma che qualcuno sia in Italia (il posto con la maggior emigrazione di sardi, 75 circoli sardi di 120 circoli al mondo sono in Italia)… cessu cessu.

Poi Corongiu continua:

“… critica moltissimo le traduzioni operate dall’ufficio, tacciandole di aver riportato in sardo una lingua complessa, burocratica involuta, non semplificata. Tale posizione, che viene riportata a galla ogni tanto, sorprende in a una bocca a una studiosa, in quanto dovrebbe essere chiaro che i traduttori  in sardo non fanno altro che riportare ciò che viene scritto negli atti pubblici in italiano, senza modificare niente…”

Ecco, io vi ho preparato la traduzione in tedesco:

La Regione, al fine di favorire lo svilup-
po economico dell’Isola, può disporre,
nei limiti della propria competenza tri-
butaria, esenzioni e agevolazioni fiscali
per nuove imprese.
Die Regionen, al finen von favorisieren die sviluppen ökonimisch der Insel, kann disporren, im Limit der eigenen Kompetenz tributarisch Esenzionen und Agevolazionen fiskalisch für neue Unternehmen.

Ma a chi vuole prendere in giro Corongiu?

Il mio maggior problema, ciò che proprio mi fa incazzare, è il dubbio assoluto nella nostra intelligenza… ma non solo nella mia, ma quella del popolo sardo. Ma lo vediamo tutti che Emilia Calaresu ha ragione!!!

Poi Corongiu:

“Ma è sembrato all’epoca scoretto che la Calaresu abbia confuso i registri e gli obiettivi di esperienze traduttive nascenti, per deligittimare comunque il tentativo di sperimentazione dello standard.”

Ahhh… così se la gira Pepi… ma, una domanda? Sono migliorati i testi e le traduzioni in LSC?

No! Lo vedo tutti i santi giorni su facebook, tutti che scrivono in LSC scrivono in sardo porcellino… infatti è diventata la norma di coloro che il sardo non lo conoscono e che sono troppo pigri per impararlo.

E addirittura, coloro che conoscevano bene il sardo e hanno lavorato gli ultimi anni con la LSC hanno auto-disimparato il sardo.

Ma non lo dico perché sono “orientalista” e perché voglio mantenere tutti i dialetti sardi, lo dico perché ho imparato il sardo per mantenere i pensieri sardi e le tradizioni e il modo di pensare.

L’assurdità in assoluto è che coloro che urlano a voce alta “Una lingua-una nazione” e usano la LSC, non hanno capito che sono già colonizzati mentalmente perché pensano il sardo in italiano.

Come vediamo qui (scusa Max… lo sai che ti voglio bene):

“Is obbietivos fundamentales ant a èssere cussos de sa promotzione, de s’isvilupu e de s’aplicatzione de sa leges derivadas dae sa Lege Regionale 26/1997, dae sa Lege 482/99 de sa Repùblica Italiana e dae sa Carta Europea de is Limbas Regionales o de Minoria (1992), e fintzas s’elaboratzione e sa proposta de acontzos normativos a totus is livellos istitutzionales, in ue bi nde siat sa netzessidade; in prus, s’ente at a tènnere su dovere de vigilare a pitzus de s’aplicatzione de is polìticas linguìsticas istabilidas dae su guvernu sardu e de coordinare is atziones e is mesuras de is assessorados in matèria de polìtica linguìstica.”

“Gli obbiettivi fondamentali saranno quelli della promozione, dello sviluppo e dell’applicazione della legislazione derivante dalla Legge Regionale 26/1997, dalla Legge 482/99 della Repubblica Italiana e dalla Carta Europea delle Lingue Regionali o Minoritarie (1992), nonché l’elaborazione e la proposta di adeguamenti normativi a tutti i livelli istituzionali, ove ne emerga la necessità; inoltre, l’ente avrà il compito di vigilare sull’applicazione delle politiche linguistiche stabilite dal governo sardo e di coordinare le azioni e le misure degli assessorati in materia di politica linguistica.”(http://progeturepublica.net/comunicati/politicas-linguisticas-in-progres-istitutu-pro-su-plurilinguismu/#.UMjQZ6xc0_A)

Detto questo… dimostra che la LSC non è mai stata “migliorata” e la critica della Calaresu vale oggi così come valeva all’eopoca.

E assurdamente Corongiu usa ancora addirittura il termine “sperimentale” per giustificare la sua incapacità di non aver agito negli ultimi sette anni, sebbene Roberto Bolognesi abbia richiesto più di una volta degli emendamenti, sebbene gli intellettuali di Cagliari abbiano fatto uscire dei documenti, libri contro la LSC… e sebbene i cattivi “orientalisti” come me che all’inizio erano a favore della LSC si siano girati e se ne sono andati perché non è giusto agire in questo modo, come lo fa lui…

No, lui con tranquilità continua a parlare di giustizia e del suo libro. L’Unione Sarda, addirittura lo spalleggia anche.

L’articolo ieri della Pinna fa ridere ai polli. Ha fatto passare Corongiu come un santo, padre di famiglia… e un esperta di communicazione… ma bai e circa.

http://salimbasarda.net/politica-linguistica/troppi-sardi-o-troppo-poco/

E poi Pepi chiude il suo paragrafo sulla linguista Calaresu con la frase:

“La stessa Calaresu ammette con tranquilità, tra l’altro come molti isolani del resto, di non conoscere bene la lingua di cui parla … e questo chiarisce ancor meglio la disputa”.

Che cosa? Ita as nau…? Ses unu faulargiu… mannu.

Lei l’ha detto per dimostrare che le LSC è talmente italianizzata che una persona che non conosce bene il sardo, lo vede dal primo momento. E lo potete leggere su.

Tutto il libro è così, tutte le tesi di Corongiu sono lontani di ciò che la gente ha scritto veramente e di ciò che intenzionava.

Tutto questo per sostenere una noma castrata che fa comodo a lui…

Pro sa zente chi non cherret ascurtare …comente Sarvadore Serra.

Erisero apu faeddadu chin Sarvadore Serra Nieddu, su primu ministru de su Barone de sa Limba, Diegu Corràine.

Duncas, isse at iscritu chi sa zente chi est a s’imbresse a sa Limba Sarda Comuna, cherret s’italianu comente limba pro totu sos sardos.

Tando… cherzo narrer chi custa est una cosa chi contant sos LSC-istas chentza esser beru.

Pro sa zente chi non mi conoschet bene … depo torrare como a iscrier unu pacu in su primu dialetu de sa limba sarda chi apo imparadu… no l’isco nemancu ita est, peroe diat a esser unu dialetu pacu meridionale.

Custu, pro fagher bier a totu su mundu chi deo no poto esser una pessone chi est contras su sardu.

Deo soe contras su logudoresu pro totos. Custa est un atera cosa!

Deo tenzo meda amigos in su capu de susu e in donzi logu in Sardigna e poto allegare in logudoresu e in campidanesu chentza problemas, imbetzes Sarvadore, su sardu de su jossu, no lu conoschet e non lu iscriet.

Deo apo traballadu umpare chin sa domo de iscritores Condaghes pro fagher essire libros in logudoresu e puru in LSC (chi est sa matessi cosa).

Pro ite?

Ca, soe amiga de su logudoresu… e soe amiga de sa limba sarda e soe puru amiga de Frantziscu Cheratzu chi faghet sas cosas pro totu su sardu e non pro sa LSC ebia, comente sa domo de iscrotores Papiros de su mere tuo, Sarvadore.

Duncas, custu cherret narrer chi deo no poto esser nemiga de nemos e de nudda, e subra de totu, non in allegas de limba e linguistica!

Non t’abitzas, no, Sarvadore, chi inoghe b’at irbagliu mannu in sa manera de pessare tua?

Incumintza tue de iscrier su campidanesu comente deo apo imparadu de iscrier su logudoresu, chi fortzis iscrio menzus de sa zente chi campat in cue, in Sardigna!

E pompia bene chi sos nemigos de sa limba non sunt sas pessones chi cherrent sighire a faeddare sa limba issoro in domo issoro…

Sa zente in su jossu de sa terra chi est puru sa terra tua, sa zente za tenit una limba iscrita issoro.

Insaras, acabadda de illeriare in donzi locu inube t’acatas in sa retza, ca como m’as aberu segadu sa matza chin custos istrolobos.

A menzus bier.

mist