Home » Uncategorized » Cunsillus

Cunsillus

Ciao cari amici e follower. In questo momento non ho tanto tempo, visto che devo fare un paio di cose per il Circolo Sardo di Berlino e.V., a richiesta di Frantziscu Lai ripropongo le miglior regole per la lingua sarda. Non dimentichiamole! Prese dalla grammatica sardo-campidanese di Antonio Lepori (2001), pag. 146+147:

10 CONSIGLI PER CHI VIVE IN SARDEGNA E NON CONOSCE LA LINGUA SARDA
1)
Interessati della lingua della terra in cui sei nato o che ti ha accolto: soltanto la
conoscenza della lingua sarda ti permetterà di sentirti veramente “di casa” in Sardegna.
2)
Lotta contro l’ingiustizia dell’alienazione culturale. La repressione di una qualunque lingua o cultura è un atto barbarico.
3)
Fai rispettare tanto la lingua sarda quanto la lingua italiana e rispettale tu stesso.
Entrambe le lingue sono egualmente degne. Ambedue si sono evolute ognuna per proprio conto dalla lingua latina (come anche il francese e lo spagnolo, per esempio).
4)
Non aver timore di capire e imparare il sardo: è molto più semplice di quel che pensi. Basta che all’inizio chieda a tutti coloro che lo conoscono di parlarti lentamente in sardo e che ti
spieghino di quando in quando una parola che non capisci. Sono sufficienti alcune ore di con-versazione attenta perché tu ti abitui a capire il sardo.
5)
Acquista giornali e riviste in sardo. Ti accorgerai che leggerlo è molto facile. Se non capisci bene qualcosa, chiedi a qualcuno, che conosca il sardo, di spiegartelo. Vedrai come sarà felice di farlo. Loderà il tuo interesse. Ascolta attentamente le canzoni sarde trasmesse dalle radio e dalle televisioni.
6)
Comincia il più presto possibile a pronunciare in sardo i saluti e le frasi più comuni. Se temi che ti correggano, fai tu il primo passo chiedendo la pronuncia esatta. Cosi ti renderai simpatico a tutti. Quando la conversazione si fa più difficile, passa tranquillamente all’italiano. Quando hai ripreso coraggio, fai un altro sforzo in sardo, senza timore. I parlanti sardo sono pronti ad aiutarti.
7)
Approfitta dell’opportunità che ti offre il fatto di vivere in Sardegna per imparare la tua seconda lingua. Il sardo sarà la chiave per imparare una lingua straniera con facilità molto maggiore e con esito molto più positivo di quel che sarebbe se lo facessi direttamente e senza passare per il sardo. Se qualche volta hai provato con un’altra lingua e non ti è andata bene, l’apprendimento del sardo ti aprirà prospettive nuove.
8)
Vigila affinché i tuoi figli imparino il sardo, sia nella strada e con gli amici come a scuola. Ti meraviglierai come parleranno rapidamente un sardo perfetto. Molti popoli nel mondo sanno parlare con facilità due, tre o quattro lingue. Tutti abbiamo l’intelligenza per farlo. Quel che conta è la volontà.
9)
Iscriviti ai corsi di sardo per migliorare e correggere quel che già hai appreso. Se nella località in cui vivi non vi sono corsi di sardo, esigi che si facciano.
10)
Ricorda sempre: la padronanza della lingua sarda farà di te un vero cittadino della Sardegna. Inoltre ti porterà a comprendere come entrare in contatto con altre lingue europee e a sentirti davvero cittadino d ‘Europa
10 CUNSILLUS PO KINI SCIT SU SARDU
1)
Kistiona sa lìngua tua d-onnya borta ki podis, prus de totu in domu e cun is amigus e sa genti connota. Piga s’idea de kistionai in sardu cun kini scisi ki ti cumprendit, mancai finsas a imoi d’apas kistionau in italianu.
2)
Siast arrespetosu cun kini kistiònat in d-un’atra lìngua, perou depis pretendi k’is atrus siant arrespetosus cun sa lìngua tua.
3)
Acostadì a totus kistionendi in sardu, in s’arruga , a su telèfunu, in su traballu, etc. Ki ti cumprendinti, sighi a dus kistionai in sardu mancai t’arrespùndant in italianu.
4)
A sa genti connota ki ancoras no cumprendit beni su sardu, ajudadda a provai a du cumprendi, kistionendi a pagu a pagu e sprikendi de tanti in tanti tzertus fueddus.
5)
Ki bis a calincunu sfortzendisì de kistionai in sardu, ajudaddu, e faiddi biri ki su sfortzu suu d’agradessis.
6)
Acabadda de curregi a kini no bolit essi curreju, perou dona s’esèmpiu de preguntai a personis o a assòtzius autorizaus calis fueddus sballiaus tòcat a cambiai. Ajudaussì is unus e is atrus a kistionai in d-unu sardu biu e bonu.
7)
Depis arrespetai a is variedadis de sa lìngua sarda. Kistiona cun s’acentu tuu a is
logudoresus , a is nugoresus, a is baroniesus, etc. e impara is acentus e is fueddus diferentis ki teneus totus. Custa est s’arrikesa de su sardu, cumenti de totu is atras lìnguas.
8)
Abonadì a jorronalis e arrevistas in sardu. E sìant in sa lìngua nosta is ligiduras ki faisi, is ispetàculus ki bisi, is programas de s’arràdiu ki ascurtas, etc. Faeus po contu nostu su ki no anti bòfiu fai po tantis annus.
9)
Detzididì a-i scriri totu is litras e is apuntus in sardu. De imoi a innantis dona sempri in sardu su nòmini tuu. Poniddu in is billetus de visita, in is targhetas, in is insinnyas, etc. Iat a essi troppu leju ki po no spendi unu pagu in prus lassessimus de donai tistimonju de sardidadi.
10)
Depis pretendi de totus, po finsas de is autoridadis, ki ti kistiònint in sardu. Faiddu cun gentilesa. No perdas tempus e assèliu cumbatendi contras a is nimigus decraraus de sa lìngua nosta. Lassaddus a una parti.
D-onnya personi ki difendit a sa lìngua cosa sua kentz’ ‘e s’afracai a nisçunus, tenit su deretu e s’arrexoni a su costau.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...